AG. TERZIC A FV, SPERAVO CI FOSSE PIÙ SPAZIO PER ALEKSA. PRESTITO UN'IDEA. IN INVERNO...

21.04.2020 13:00 di Andrea Giannattasio Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
AG. TERZIC A FV, SPERAVO CI FOSSE PIÙ SPAZIO PER ALEKSA. PRESTITO UN'IDEA. IN INVERNO...

La sempre più probabile ripartenza del campionato non offrirà alla Fiorentina solo l’opportunità di concludere una stagione iniziata male e in parte svoltata col cambio di guida tecnica. Sarà anche l’occasione per buona parte della rosa che fino a questo momento ha trovato poco spazio per provare a sovvertire le gerarchie che si erano create in modo da mettere in difficoltà Beppe Iachini. Tra i giocatori che da tempo reclamano spazio c’è anche il terzino sinistro Aleksa Terzic, che dopo il debutto tra luci ed ombre di questa estate in Coppa Italia contro il Monza da quel momento non ha più rivisto il campo se non per 8’ ancora in Tim Cup contro il Cittadella. Per parlare di come il giocatore sta trascorrendo questa quarantena e di quelle che son le prospettive del serbo, Firenzeviola.it ha contattato il manager del giocatore, Jovan Brstina, che assiste il classe ’99 viola assieme al collega Davor Spaic.

Brstina, da manager come valuta questa fase di impasse del calcio?
“La situazione è abbastanza difficile per tutti gli atleti ma chiunque spera di risolverla nel più breve tempo possibile per poter tornare alla vita di prima, a lavorare come eravamo abituati a fare. Spero che non appena ricominceranno tutti i campionati questi possano svolgersi fino alla fine, indipendentemente dalla durata dell'interruzione dovuta allo stato di emergenza. Spero che in Italia si possa riprendere a giocare almeno tra un mese, anche senza il pubblico sugli spalti”.

Come sta vivendo Terzic questo momento così difficile?
“Aleksa sta bene, passa il suo tempo con la moglie, nel loro appartamento di Firenze. In questi giorni sta lavorando per migliorare il più possibile l’italiano ma si allena anche molto per quanto le attuali condizioni glielo consentano. Non vede l’ora di riprendere ad allenarsi con il resto della squadra”.

Si aspettava che Aleksa potesse trovare più spazio, specialmente dopo il cambio di allenatore?
“In realtà sì ma so anche bene che Aleksa ha lavorato duramente ed è sempre stato considerato uno della squadra. Mi aspetto che non appena ci sarà la ripresa del campionato possa avere la possibilità di giocare in modo da mostrarsi in tutta la sua bravura”.

Crede che per la prossima stagione al giocatore farebbe bene andare a fare un’esperienza in prestito altrove?
“Vedremo, la cosa più importante è che Aleksa possa giocare tante partite in modo che possa migliorare ed avere continuità. In tal senso, il prestito può essere molto utile per il giocatore.  C'erano state alcune opzioni interessanti durante la finestra di mercato invernale ma abbiamo scelto di far concentrare il giocatore solo su Firenze non modo tale che potesse trovare spazio alla Fiorentina. In ogni caso, certo, ad Aleksa mancano le partite: vedremo in estate cosa deciderà il club su di lui”.