BIRAGHI TRA I MIGLIORI, CHIESA E CASTRO DECISIVI, OK MILENKOVIC

19.09.2020 20:01 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca 2020
BIRAGHI TRA I MIGLIORI, CHIESA E CASTRO DECISIVI, OK MILENKOVIC

DRAGOWSKI – E' molto reattivo sul primo tentativo di Berenguer da dentro l'area. Non compie altri interventi, ma resta l'importanza del primo, 6,5

MILENKOVIC – Dopo nemmeno 10 minuti ha già ringhiato su Belotti ma è anche già ammonito. Dispensa comunque sicurezza a tutto il reparto, 6,5

CECCHERINI – Non sfigura nel primo tempo anche se è beffato dal tocco di Linetty nell'occasione di Berenguer. Tiene alta la guardia anche nella ripresa, 6

CACERES – Dopo la mezz'ora scuote i suoi facendosi sentire, di lì a poco è in anticipo sul centrodestra della difesa. Chiude a dovere Zaza nel secondo tempo. Imperioso, 6,5

CHIESA – Schierato a destra comincia trovando profondità ma col passare dei minuti la difesa granata lo respinge regolarmente anche perchè sbaglia molto. Nel secondo tempo se possibile è ancora più largo come quando offre un bel pallone a Bonaventura, quando ci prova angola troppo e manda fuori dopo invito di Ribery. Anche se non brilla decide comunque la partita con lo spunto e l'assist per il gol di Castrovilli, 6,5

Dal 38'st LIROLA – S.v.

BONAVENTURA – Va a corrente alternata, probabilmente alla ricerca della migliore condizione. Si accende al quarto d'ora della ripresa con un bell'inserimento in area e tiro fuori e poco dopo con un buon break su Verdi. Resta pericoloso saltando anche Sirigu ma mancando il tiro finale. Gli assalti alla difesa granata coincidono con la sua crescita, 6

Dal 33'st BORJA VALERO – S.v.

DUNCAN – Soffre nella prima mezz'ora in una posizione centrale nella quale non riesce a incidere. Più o meno stesso discorso in un secondo tempo dove però fa diga e consente alla Fiorentina di alzare il baricentro, 6

CASTROVILLI – Strappa i primi applausi con un bel recupero su Berenguer, ma invece che entrare in partita con il passare del tempo ne resta ai margini anche nella prima parte della ripresa. In una serata che pare buia accende la luce con il tocco del gol e più tardi impegna ancora Sirigu. Al posto giusto nel momento giusto, 6

BIRAGHI – Si fa notare in avvio e dal suo piede arrivano ben due cross sui quali Kouamè potrebbe segnare. Troverebbe anche il gol in avvio di ripresa ma è in fuorigioco di poco, poi è severa l'ammonizione per il fallo su Izzo. Che sia l'effetto Conte o l'esperienza su quella fascia è comunque tra i migliori, 7

Dal 42'st VENUTI - S.V.

RIBERY – Primo tempo in ombra con pochi guizzi e ancor meno spazio concesso dagli avversari. Rischia di brutto a metà ripresa regalando una punizione a Zaza che per fortuna spreca al momento dell'assist. Si rivede nel secondo tempo con un invito per Chiesa e un tiro largo. Sbiadito, 6

Dal 33'st VLAHOVIC – S.v.

KOUAME' – Si muove molto ma sul pallone di Biraghi, poco dopo il quarto d'ora, inquadra lo specchio della porta da buonissima posizione. Ci riprova altre due volte trovando sempre buone risposte da parte di Sirigu mentre nella prima occasione della ripresa alza da posizione di fuorigioco. Serve più cattiveria sotto porta, ma i movimenti fanno ben sperare, 6

Dal 42'st CUTRONE - S.v.

IACHINI – Riparte da dove aveva terminato con il 3-5-2 marchio di fabbrica. Non mancano i problemi nella posizione di Duncan e sotto porta nel primo tempo, ma la buona volontà c'è tutta. Attende per i primi cambi, che arrivano dopo il gol di Castrovilli, con Borja Valero, Vlahovic e Lirola. Nel finale c'è spazio anche per Cutrone e Venuti, poi può festeggiare una vittoria all'esordio ampiamente meritata in virtù di un secondo tempo in cui il Torino è finito alle corde, 6