CORR. FIORENTINO., La carica dei (nuovi) mille

25.01.2020 11:00 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
CORR. FIORENTINO., La carica dei (nuovi) mille

In otto mesi può cambiare il mondo. Pensate, per esempio, al 26 maggio scorso. Altra stagione, altre squadre, altra proprietà. Altro clima, soprattutto. E non stiamo parlando del meteo. Dal Genoa, al Genoa. Nel mezzo, 244 giorni nei quali, a Firenze, è successo di tutto. Si giocava, allora, l’ultima giornata di un campionato assurdo. Iniziato con la speranza di potersi giocare un posto in Europa e finito, proprio quella sera, con una salvezza ottenuta soltanto all’ultima giornata e grazie ad una delle partite (se così si può definire quello 0-0) più tristi degli ultimi anni. Ricordate, no? La melina, le orecchie tese verso San Siro, in attesa di notizie da Inter-Empoli. Al Franchi, intanto, si consumava la solita, pesante, serata di contestazione. Contro i Della Valle, contro Montella, contro tutti. «Niente da festeggiare, vi dovete tutti vergognare». Si salutarono con questo striscione, Firenze e la Fiorentina. Oggi, quel ricordo, non potrebbe essere più lontano. A riportarlo è il Corriere Fiorentino.