PELLISSIER A RFV, Punta? Io mi affiderei a uno solo

22.09.2022 13:52 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
PELLISSIER A RFV, Punta? Io mi affiderei a uno solo
FirenzeViola.it
© foto di Carlo Giacomazza/TuttoSalernitana.com

Così l'ex attaccante Sergio Pellissier a Radio FirenzeViola sulla Fiorentina: “Non è facile gestire tre competizioni, bisogna dare tempo alla Fiorentina. In Italia si tende a dimenticare quello che è stato fatto l’anno prima e ci si proietta subito a quello dopo. I viola stanno dimostrando di aver fatto grandi passi avanti in due anni”.

La Fiorentina ha iniziato in modo un po’ “lento” ma questo non significa che la stagione sarà così, giusto?
“Certo, chi avrebbe pensato lo scorso anno che la Fiorentina sarebbe tornata in Europa subito? Bisogna dare tempo ai ragazzi nuovi. Tante squadre con giocatori milionari non se la passano meglio, ad esempio la Fiorentina contro la Juventus ha fatto bene e forse meritava pure qualcosa in più”.

Cabral e Jovic stanno un po’ mancando?
“Non è facile sostituire Vlahovic, chiaramente quando hai tanti cambi fai giocare poco i calciatori ma è sbagliato. Più si gioca e più si ha fiducia e la resa migliora. Qualche pedina va cambiata, certo, ma chi è importante deve essere quasi sempre in campo”.

Lei punterebbe ancora su Kouame e sarebbe meglio dare continuità a uno tra Jovic e Cabral?
“Io credo che Italiano sappia i perché abbia fatto giocare uno e non un altro. Sicuramente ha fatto le scelte migliori per la Fiorentina. Personalmente mi affiderei a un attaccante, ma perché sono cresciuto così. Comunque Italiano è un vincente per mentalità, quindi se ha fatto quelle scelte è perché c’era un motivo. Col tempo capirà qual è la squadra che preferisce”.

Se Italiano dice che non sa quali soluzioni trovare, come accaduto in Turchia, è una tecnica che può funzionare?
“Non so perché l’abbia detto, lui non molla mai, si vede con che passione allena. Un uscita così non è da lui. E non sprona nemmeno, perché un giocatore deve sentire la fiducia dell’allenatore, deve sentirsi a casa”.