VIOLA FINISCONO QUARANTENA MA POCO CAMBIA: TUTTI FERMI A FIRENZE. SUGLI STIPENDI....

27.03.2020 16:20 di Luciana Magistrato   Vedi letture
© foto di Giacomo Morini
VIOLA FINISCONO QUARANTENA MA POCO CAMBIA: TUTTI FERMI A FIRENZE. SUGLI STIPENDI....

Quarantena obbligatoria finita in queste ore anche per i viola, ma poco cambia. I tesserati, così come tutte le altre persone, dovranno comunque restare a casa fino al 3 aprile ma se non altro potranno uscire per necessità come la spesa. La società in realtà in questo periodo di isolamento domiciliare ha incaricato ristoranti o botteghe (vedi la Tommasina di Bagno a Ripoli che è anche ritrovo di viola club) di consegnare ai suoi tesserati prodotti vari che non avrebbero potuto reperire da soli anche perché con la spesa on line dei supermercati sarebbero andati incontro ai problemi di tempo di tutti gli altri clienti  (ne sa qualcosa la moglie di Benassi che nei giorni scorsi è riuscita sì a prenotare la spesa con consegna però al 3 aprile, come aveva mostrato sui social).

A parte Ribery (a Monaco con la famiglia) tra i giocatori, Pradè tra i dirigenti e Aquilani dello staff (questi ultimi rimasti a Roma) tutti i tesserati sono bloccati a Firenze. E sono rimasti a casa, spesso lontani dalle famiglie come il tecnico Iachini, con responsabilità e consapevolezza. Anche per gli stranieri - nonostante la quarantena forzata finita - non ci saranno novità o possibilità di tornare nei propri paesi (come accaduto ad alcuni juventini e interisti) proprio per i tanti limiti di spostamento vigenti, soprattutto dall'Italia. Anche se potessero partire, tra l'altro, nei loro paesi sarebbero costretti ad altri 15 giorni di isolamento. Certo per molti la lontananza della famiglia e dei propri affetti è dura ma inevitabile.

La Fiorentina non prenderà comunque decisioni diverse al momento (né ci sono richieste dei giocatori)  e questo fino a quando non verranno date altre indicazioni dal Governo o dalle autorità sportive circa allenamenti in gruppo, attività e spostamenti in generale. Viola alla finestra anche per quanto riguarda il discorso stipendi, visto che ad ora non si sa se e quando si riprenderà ad allenarsi e poi a giocare, se la stagione slitterà nei mesi estivi pregiudicando le ferie... Nonostante in Francia sia già prevista la riduzione degli stipendi, a Barcellona società e giocatori sono in rotta sull'argomento e la Juve ha iniziato a parlarne e a fare proposte con il rappresentante Chiellini, la Fiorentina invece pone nel 3 aprile il punto temporale di riferimento, per vedere se questo momento di stop verrà o meno prolungato,. Solo in caso positivo la Fiorentina, se l'argomento non avrà avuto risposte già a livello istituzionale, andrà ad affrontare l'argomento insieme.