RITROVATA COMPATTEZZA

08.04.2021 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
RITROVATA COMPATTEZZA
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

Ventinove reti in due, Muriel e Zapata sono una coppia gol da far paura, senza considerare l’apporto di un Ilicic la cui ultima stagione è comunque lontana dai lampi dell’anno scorso. L’Atalanta in arrivo al Franchi è uno di quegli esami che sulla carta sembrano proibitivi, almeno per una Fiorentina la cui insuperabilità difensiva è tutta dimostrare. Eppure in un campionato che non offre certezze tanto vale non smettere di sperare nell’impresa domenicale.

D’altronde tra le pieghe di un momento sospeso come quello attuale se c’è un’indicazione positiva da dove ripartire dopo il punto di Genova è proprio quella relativa a una ritrovata solidità difensiva. Una barriera che anche in inferiorità numerica, dopo l’espulsione di Ribery, è riuscita a reggere l’urto di un Genoa alla ricerca del gol vittoria. Non un certificato di guarigione, ovvio, ma almeno un segnale.

Probabilmente non abbastanza per pensare di fermare un’accoppiata come quella bergamasca in arrivo domenica sera, ma pur sempre un punto di ripartenza per Iachini che ha inaugurato il suo secondo cammino in viola con un pareggio strappato con la forza del carattere. Se sul gol di Destro, in avvio, si sono riviste le amnesie dei giorni peggiori è dalla compattezza del secondo tempo di Marassi che la Fiorentina può e deve ripartire.

Pensando di alzare una diga abbastanza alta anche per due come gli attaccanti di Gasperini, ormai prossimi ai 30 centri in due, e magari provando ad affidarsi alla vena realizzativa di Vlahovic che là davanti comincia a dare certezze importanti.