MOU-FIORENTINA, PARTE UNDICI: TUTTI I "CASI" MEDIATICI SCOPPIATI COI VIOLA

08.12.2023 13:00 di Alessandro Di Nardo   vedi letture
MOU-FIORENTINA, PARTE UNDICI: TUTTI I "CASI" MEDIATICI SCOPPIATI COI VIOLA
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca 2023

Se su Google cercate "Mourinho-Fiorentina-polemiche" vi appariranno 393mila risultati in 0.42 secondi. Le voci più recenti si riferiscono allo show fatto dal portoghese nel pre Sassuolo-Roma, in un delirio di illazioni ancora al centro di un'inchiesta della Procura Federale in cui lo special one ha tirato in ballo anche i viola. Alla fine domenica sera all'Olimpico ci sarà, così come Gianluca Mancini, graziato da Marcenaro col Sassuolo. Un successo per il tecnico della Roma, che incrocerà la Fiorentina per l'undicesima volta: 6 vittorie per il portoghese, 2 pari, 2 successi viola e un'infinità di dichiarazioni che oscillano tra il pianto e la provocazione. 

Due dimensioni su cui il portoghese ha fondato la sua scintillante carriera, fatta di 26 trofei. Una bacheca alle volte oscurata da altri highlghts della sua carriera. Polemiche su polemiche che hanno coinvolto spesso anche la Fiorentina: il primo precedente è trascurabile, uno 0-0 al Franchi nell'ottobre 2008 contro la Fiorentina di Prandelli senza show spettacolo né in campo ne in sala stampa. I fuochi d'artificio si accendono nell'anno del triplete nerazzurro, aprile 2010, quando Mourinho si scaglia contro l'allora l'assistente arbitro Stefano Ayroldi dopo un gol convalidato alla Fiorentina seguito (secondo Mou) da un accenno di esultanza pescato solo dalle anime più complottiste. "Cosa esulti?" l'urlo di rabbia del portoghese dopo il gol di Kroldrup, una domanda senza risposta riecheggiata nel catino del Franchi.

Avanti veloce, il Mourinho versione italiano secondo capitolo è tornato ancor più carico di rancore verso la classe arbitrale e al secondo incrocio in giallorosso con la Fiorentina esplode contro Banti per un rigore concesso ai viola: "Banti non ci rispetta, in questo momento ci stanno togliendo tanti punti". Da fine comunicatore/manipolatore, Mou ha tirato in ballo la Fiorentina anche per esaltare il successo della Roma nella Conference 2021/22. Tacciata di essere una competizione di un livello misero per le squadre di A, dopo un giovedì europeo Mou chiede ai microfoni di Sky: "Che ha fatto la Fiorentina?" ben conscio (immaginiamo) del crollo dei viola col Basaksehir nella prima gara in trasferta del girone di Conference, come a dire, "ah, non era una coppetta?". Nell'ultimo precedente invece, datato maggio 2023, Mou si è cimentato in un suo classico silenzio stampa auto-imposto dopo la sconfitta per 2-1 al Franchi condizionata, secondo lui, dall'arbitraggio di Ayroldi (così tanto per chiudere il cerchio).

Mourinho contro arbitri, avversari e società. Nelle varie declinazioni del "rumore dei nemici", in un recente messaggio rivolto ai Friedkin il tecnico ex United ha nuovamente citato la Fiorentina: "Se mancano giocatori all’Inter, ne ha altri 5, uguale per Milan e Juve, e Atalanta ma anche Fiorentina. Quando mancano a noi non abbiamo altri 5 titolari”. Un messaggio per deresponsabilizzare il proprio operato e attaccare il lavoro del club sul mercato o un apprezzamento per quanto fatto dalle competitor? Difficile entrare nella mente diabolica mente di Mou. Che nel frattempo si prepara già ad un altro show a ridosso del match di domenica sera, che sarebbe anche uno scontro per l'Europa che conta, annacquato da ulteriori probabili polemiche. E allora non ci resta che provare a immaginare su quale tasto batterà l'affilata lingua del mago di Setubal.