IL SOLITO RIBERY, UN PO' DI DUNCAN E KOUAMÈ, OK DRAGO

08.07.2020 21:26 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
IL SOLITO RIBERY, UN PO' DI DUNCAN E KOUAMÈ, OK DRAGO

DRAGOWSKI – Simeone lo batte subito ma partendo in fuorigioco, lui sul finire di primo tempo è attento a distendersi sul tiro di Joao Pedro e soprattutto è reattivo due volte su Nandez nelle prime occasioni della ripresa. Respinge anche un tiro da fuori di Lykogiannis confermando di saper dare sicurezza, 6,5

MILENKOVIC – Soffre il miglior inizio del Cagliari, poi recupera sicurezza anche se a inizio ripresa stende Ghezzal intervenendo di testa al limite dell'area. Lottatore, 6

CECCHERINI – Qualche sbavatura nei primi minuti come quando gli scappa Simeone che però è in fuorigioco, poi va meglio. Più o meno stesso discorso nei primi minuti del secondo tempo sull'occasionissima di Nandez e su un tentativo di Ragatzu. Incerto, 5,5

CACERES – Tempista su Joao Pedro in piena area di rigore poco dopo il quarto d'ora mantiene alta la guardia dalle sue parti. E nel finale sfiora il colpaccio, 6

VENUTI – E' meno scintillante rispetto a Parma ma altrettanto ordinato almeno nel primo tempo. Cala alla distanza ma non sfigura, 6

DUNCAN – Nel poco che offre il primo tempo il suo tiro che rimbalza sul palo è già qualcosa. E più in generale è l'unico del centrocampo che prova a imbastire qualcosa, anche nella seconda frazione di gioco, 6,5

BADELJ – Primi minuti di gara in sordina e senza fare troppa diga come capita su Birsa che per fortuna non ne approfitta nell'assist per Simeone. Resta nell'ombra fino al momento della sostituzione, 5

Dal 14'st PULGAR – Si limita a far girare palla, ma nel finale tra punizioni e corner recapita palloni interessanti in area, 6

LIROLA – Dirottato sulla sinistra viene ben servito da Ribery poco prima della mezz'ora ma nel momento decisivo sceglie il tiro che viene smorzato da un difensore. Non va meglio su Nandez nel primo quarto d'ora del secondo tempo. Deludente, 5,5

Dal 13'st DALBERT – Pochi fronzoli ma anche poca spinta, 5,5

CHIESA – In avvio spreca una punizione defilata poi si fa ammonire per un'entrataccia su Joao Pedro. Emblematica un'azione sul finire di primo tempo quando prima sbaglia il controllo su tocco di Lirola poi si ritrova a ostacolare Ribery in area. Il resto della gara è un bell'assist per Ribery ma anche troppe discussioni con l'arbitro e con i compagni di squadra. Forse anche per questo Iachini lo boccia dopo l'intervallo, 5

Dal 1'st GHEZZAL – Scontro areo con Milenkovic dopo poco dal suo ingresso e successivo infortunio che lo obbliga a restare in campo per esaurimento dei cambi. Tutt'altro che fortunato, 6

VLAHOVIC – Su un pallone perso dal Cagliari non è abbastanza rapido nel servire Chiesa. Poco incisivo anche su un invito dalla destra nel secondo tempo. Ingolfato, 5

Dal 29' st KOUAME' – Entra e per poco non segna con un bel colpo di testa, sarebbe stata una gran bella sorpresa, 6

RIBERY – Regolarmente in campo conferma di essere sempre e comunque l'unico in grado di accendere la fantasia, come dopo 25 minuti quando libera in campo aperto Lirola. S'infiamma a inizio ripresa quando i suoi compagni vedono arrivare avversari da tutte le parti. Nervoso è nervoso ma resta l'unica luce di questa squadra, 6,5

Dal 29'st CUTRONE – S.v.

IACHINI -Sceglie il tridente pesante con Ribery e Chiesa larghi rispetto a Vlahovic, in mezzo c'è Badelj mentre sugli esterni Venuti a destra e Lirola, ma il problema è sempre più o meno lo stesso: la squadra non fa gioco. Nel primo tempo è il Cagliari il più intraprendente e se si escludono gli spunti di Ribery e il palo di Duncan è di fatto la stessa prestazione vista con Brescia e Sassuolo. Il cambio nell'intervallo è scontato e suona come una bocciatura per Chiesa sostituito da Ghezzal, ma quando Ribery inizia a scuotere squadra e compagni arrivano altri cambi: Dalbert, Pulgar, Cutrone e il rientrante Kouamè. L'infortunio di Ghezzal spenge gli entusiasmi per l'occasione di Kouamè e in inferiorità numerica il pareggio fa meno paura anche per la sconfitta del Genoa con il Napoli. Ma questa Fiorentina ha le pile scariche, 5