IL MERCATO IN DIFESA

21.01.2014 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    vedi letture
IL MERCATO IN DIFESA
FirenzeViola.it

E menomale che almeno Spolli non ha fermato Matos Ryder. Perchè ormai, contro la Fiorentina, sembra valere un po' tutti, calcioni alla testa di chi è per terra inclusi. Ma al di là della prova televisiva ignorata nei confronti del difensore del Catania, è soprattutto sulla difesa viola che sembra essersi spostato lo sguardo, beffardo, della sfortuna. Perchè non fossero bastate le ginocchia infortunate fin qui è arrivato anche l'infortunio a Tomovic a complicare i piani di Montella.

Il serbo dovrà restare fermo due settimane, e già in vista della gara con il Genoa (nella quale mancherà anche Rodriguez per squalifica) il tecnico viola non avrà alternative per il reparto arretrato. Roncaglia, Savic, Compper e Pasqual saranno in pratica gli unici disponibili da piazzare davanti a Neto, e contando che la defezione di Tomovic andrà avanti fino alla fine del mercato, c'è di che restare all'erta proprio sul fronte delle trattative per un difensore. Perchè la Fiorentina che già cercava ulteriori rinforzi sia in mezzo al campo che dietro, adesso potrebbe ulteriormente spingere sul fronte di un difensore. Se non in questa settimana, quantomeno nella prossima a ridosso del gran finale in programma per le 23:00 di venerdì 31 gennaio. 

Sono da leggere in questo senso, perciò, gli ultimi sondaggi che avrebbero spinto la Fiorentina a chiedere Silvestre al Milan, a valutare la posizione di Ciani della Lazio Sorensen (a metà strada tra Bologna e Juve) o a restare alla finestra per Burdisso dalla Roma. Restano però in ballo anche altre ipotesi come Dainelli (ma sarà dura convincere il Chievo a cederlo) e come Musacchio, senza contare che con Pradè e Macia le sorprese restano all'ordine del giorno. Non solo centrocampo, perciò, nei prossimi 10 giorni, ma anche la difesa nel mirino, per una Fiorentina che potrebbe non aver esaurito qui i propri colpi di gennaio.