FUTURO CHIESA: RIPARTIRE DAI FATTI ASPETTANDO COMMISSO

27.06.2019 00:00 di Pietro Lazzerini Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
FUTURO CHIESA: RIPARTIRE DAI FATTI ASPETTANDO COMMISSO

Che Federico Chiesa sarebbe stato il tormentone dell'estate viola lo sapevano anche i sassi. E così è stato. Mentre Firenze si scioglie per i 40° gradi che hanno colpito la città in queste ore, si attende di sapere quale sarà il futuro del "gioiello" viola. 

Ripartiamo dalle certezze: Commisso lo vuole blindare e tenere "almeno" un altro anno alla Fiorentina. "Al 99% resterà in viola" a meno che non ci sia qualcosa che lo stesso patron non sa o sul quale non è stato ancora informato. Il nuovo proprietario ha le idee chiarissime anche da un punto di vista comunicativo: vuole incontrare il ragazzo, convincerlo a restare senza ulteriori indugi e costruire una campagna mediatica intorno al suo nome. In poche parole, metterlo al centro del rilancio.

Dal canto suo, Chiesa, probabilmente prima del passaggio di proprietà era già entrato nell'ordine delle idee di lasciare Firenze per andare alla Juventus. Non un tradimento, ma la naturale conseguenza della gestione dei Della Valle e dell'autofinanziamento imposto dagli ex proprietari. Il passaggio di mano, avvenuto in modo repentino e inatteso, ha cambiato le carte in tavola e lo stesso attaccante viola, impegnato fino a lunedì scorso all'Europeo Under 21, ha dovuto resettare ogni decisione mettendo in discussione anche eventuali pre-accordi con i bianconeri. 

Detto questo, adesso ogni suggestione resta tale perché fino a che Commisso e Chiesa non si incontreranno sarà impossibile conoscere il futuro del calciatore. Se Federico vorrà andarsene, lo dirà al tycoon che poi lo inviterà a riferirlo pubblicamente. Ovviamente però Rocco farà di tutto per convincerlo a proseguire questa avventura iniziata in tenera età. Metterà sul piatto un goloso rinnovo e probabilmente gli prometterà di valutare l'estate prossima un'eventuale cessione a cifre umane e non oversize. Gli prometterà anche di fare una squadra capace di rilanciare le ambizioni europee di Firenze, dei fiorentini e dei giocatori stessi, dunque andando incontro a tante delle pretese che un giovane talento come lui potrebbe avere nei confronti del club. 

Poi la parola spetterà solo a Chiesa, perché Commisso ha dichiarato in tutti i modi che non ci sono dubbi sulla volontà dell'italo-americano di puntare su di lui e quindi dobbiamo ripartire da qui. Chiesa non ha ancora parlato perché prima c'era da onorare la maglia azzurra. Adesso manca solo l'incontro decisivo, dopo tutti sapremo finalmente quale sarà la strada scelta dal giocatore e successivamente le contromosse di un proprietario che non vede l'ora di ripartire dal suo campioncino.