BONAVENTURA IL PETER PAN E QUELL’OPZIONE GIÀ CERTEZZA

29.05.2022 00:00 di Niccolò Santi Twitter:    vedi letture
BONAVENTURA IL PETER PAN E QUELL’OPZIONE GIÀ CERTEZZA
FirenzeViola.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Uno dei punti fermi di Vincenzo Italiano, alla sua prima stagione da allenatore della Fiorentina, è stato Giacomo Bonaventura. Il centrocampista ex Milan si è distinto quale uno dei calciatori più utilizzati dal tecnico viola: addirittura a dicembre risultava il terzo per minuti giocati. Sempre in campo anche solo per mezz’ora, fino al forfait della venticinquesima giornata per squalifica (somma si ammonizioni). Poi, appena il tempo di tornare a disposizione, è sopraggiunto un infortunio al ginocchio che ha condizionato il finale di campionato del classe '89… O quasi, visto che smaltito il ko ha subito segnato alla Roma e servito l’assist per l’1-0 alla Juventus.

Jack il Peter Pan
Insomma, nonostante tutto Bonaventura è stato il centrocampista che più ha inciso, assieme a Lucas Torreira, nell'arco della stagione viola. E intende continuare a farlo, dato che proprio ieri mattina ha dichiarato in un’intervista a la Repubblica di voler giocare fino a quarant’anni: “Farò come Ribery e Ibrahimovic”. Gli esempi di calciatori di Serie A un po’ più attempati e ancora restii a considerare il ritiro non mancano di certo, figurarsi se non si nemmeno così in là con gli anni... Come appunto nel caso della mezzala gigliata, appena trentaduenne. Evidentemente la contusione al ginocchio è già un lontano ricordo per il Jolly di Italiano.

Da opzione a certezza
In teoria il contratto di Bonaventura andrebbe già incontro alla scadenza, se non fosse che al suo arrivo venne siglato un accordo che prevedeva un'opzione anche per l'annata successiva, il 2023, il cui innesco a questo punto risulta nient'altro che una formalità. Sia perché il club e l'allenatore non hanno dubbi, sia perché lo stesso giocatore non ha mai mancato di rivolgere parole al miele al capoluogo toscano: "La mia vita è cambiata. Firenze è una città che dà la possibilità di vivere una vita che piace a me. C'è tranquillità ma in generale c'è tutto, sono felice". E chissà che poi, tra un anno, non si decida per un ulteriore rinnovo.