VLAHOVIC, Lavoriamo per l'Europa, la meritiamo

24.11.2021 16:36 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
VLAHOVIC, Lavoriamo per l'Europa, la meritiamo
FirenzeViola.it
© foto di www.imagephotoagency.it

L'attaccante viola Dusan Vlahovic, dopo la vittoria con il Milan, ha parlato al portale serbo telegraf.rs. Ecco le sue parole:

"La partita contro il Milan è stata come un sogno, ma come in ogni attività, anche nella nostra, quello che è successo è già stato dimenticato e la cosa più importante è quello che deve ancora venire. Il giorno dopo la partita c'era euforia, ma abbiamo iniziato subito a prepararci per la prossima partita con l'Empoli - ha iniziato Vlahović.

La doppietta con il Milan è finita su tutti i media mondiali: "Cerco di non seguire così tanto i media, ma mi arriva sempre in qualche modo. O me lo mandano i miei amici o compare sui social media. Sicuramente mi colpisce, mi fa piacere ed è uno stimolo per continuare a lavorare e per ulteriori progressi. Penso che dovrei continuare ad allenarmi ancora più duramente, con ancora più voglia e volontà, e spero di continuare così.

Il confronto con Zlatan Ibrahimovic: "Per quanto riguarda il confronto con Ibra, non mi sento il suo successore e penso che ognuno dovrebbe fare a modo suo. Quelle storie di "Ibrahimović-Vlahović" sono sicuramente impressionanti: Zlatan è un grande campione, uno dei migliori attaccanti che gioca a calcio, e per tutto quello che ha fatto per il calcio, ho ancora molta strada da fare per avvicinarmi al suo livello. Il fatto che giochi ancora ai massimi livelli parla abbastanza di lui, della sua fame di successo e del suo carattere. È un grande esempio per tutto quello che fa e con quanta energia lavora. Io cerco di avere un mio percorso, di lavorare il più possibile su me stesso, di migliorarmi e ottenere i migliori risultati possibili e spero di potermi avvicinare a lui in futuro".

"Abbiamo parlato la scorsa stagione quando ci hanno battuto 3-2 qui (a Firenze). Sono andato negli spogliatoi del Milan, abbiamo scambiato due parole, mi ha dato la sua maglia e abbiamo fatto delle foto. Poi mi ha detto in serbo: "non mollare, calpestalo", e nella nostra lingua mi ha scritto anche un messaggio sulla sua maglia, che mi ha deliziato. Durante, ma anche dopo questa partita, non abbiamo parlato. Hanno perso e non volevo andare da lui. So com'è quando si perde, non è certo bello e piacevole, e siccome conosco tanti calciatori del Milan, non volevo disturbare nessuno. ll calcio oggi è diventato uno sport in cui, se non lavori su te stesso, è molto difficile per te rimanere ad un certo livello e avere successo. Per me il lavoro è la cosa più importante nel calcio. Ma lavorando su se stessi, perfezionandosi ogni giorno non solo allenandosi ma anche guardando le partite, gli avversari, ci sono tanti modi per migliorare una persona. Sì, rimango più tempo sul campo dopo ogni allenamento non solo per provare i calci di punizione ma tutto quello che posso: penso che sia una delle premesse per il successo. Quindi continuerò così fino a raggiungere il livello più alto e, soprattutto, quando ci rimarrò"

Sulla possibilità di andare in Europa, in cui Vlahovic crede: "Lavoriamo tutti e vogliamo andare in Europa, perché la Fiorentina non gioca lì da molti anni e penso che sarebbe un grande successo per il club. Penso che questo gruppo di giocatori e questo staff professionale se lo meriti e faremo tutti del nostro meglio per raggiungere alcuni degli obiettivi che ci siamo prefissati"

Sulla vittoria della Serbia in Portogallo: "È stato davvero fantastico. Le mie emozioni non si sono ancora completamente attenuate, è una sensazione davvero incredibile, andare a una grande competizione, battere il Portogallo in casa, e quella è stata una partita che ha significato la finale per tutti noi e ha ottenuto l'unico risultato che ci ha portato al Mondiale. Penso che abbiamo ottenuto un grande successo, ma penso che siamo solo all'inizio. Abbiamo passato pochissimo tempo a giocare in questa squadra e penso che con il tempo tutto andrà a posto. Abbiamo un ct che sappiamo tutti com'era da giocatore. Abbiamo anche un gruppo di giocatori che possiede qualità, serietà, unità e che aderiscono alla maglia nazionale. Non vorrei andare in Qatar e uscire subito dalla fase a gruppi ma cercare di fare un grande risultato, che renda felice la nostra nazione".