RUI COSTA, Un pensiero per l'Italia. Oggi chiedo...

29.03.2020 13:53 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
RUI COSTA, Un pensiero per l'Italia. Oggi chiedo...

Con una lunga e bellissima lettera condivisa sul sito ufficiale del Benfica, l'ex viola Manuel Rui Costa ha voluto condividere un pensiero per i suoi 48 anni compiuti oggi.

"Viviamo tutti  un momento difficile e sicuramente un momento che nessuno di noi aveva mai immaginato di vivere. Non è facile per nessuno, ma sono sicuro che per alcuni è più difficile. Mi riferisco a tutti coloro che sono in prima linea nella lotta contro questo nemico invisibile e, naturalmente, la famiglia e gli amici dei nostri 100 connazionali che sono morti nei giorni scorsi , vittime di questa terribile minaccia globale.

È in questo contesto di profonda tristezza e, naturalmente, di enorme incertezza sui giorni a venire che scrivo. Non solo ai Benfiquisti, ma a tutti coloro che, in qualche modo, soffrono e temono per la famiglia, gli amici, i conoscenti e persino gli estranei. Questo è un momento in cui, come ha affermato il nostro Presidente pochi giorni fa, "siamo tutti dello stesso club" .

È così. Ora i colori, le simpatie o le amicizie non contano. Ora tutto conta! E siamo tutti interessati. In uno scenario come questo, che conoscevamo solo dai film, possiamo vincere solo se stiamo insieme. Più insieme che mai.

Lo sport in generale è stato in grado di far fronte ai grandi eventi che stanno scuotendo il paese, anche se non abbiamo mai provato un tale shock fino ad oggi. È tempo, quindi, di dare un'altra risposta eccellente e, da quanto abbiamo visto, lo Sport è in grado di affrontare il problema .

Sono arrivati esempi da tutte le parti che registro con grande orgoglio e che colgo l'occasione per dire che mi piacerebbe anche vederlo ripetere sempre e in qualsiasi circostanza. Aiutare chi ha bisogno, prendersi cura di chi ha più difficoltà, preoccuparsi del vicino o unirsi per grandi cause sono "bandiere" che non dovrebbero mai essere abbandonate.

Le rivalità esistono - e esisteranno sempre - ma il rispetto e i buoni esempi che abbiamo visto negli ultimi giorni devono essere permanenti. Questa notizia che ora vediamo continuamente in televisione è la prova che, dopo tutto, quella vecchia massima è davvero vera: è molto più ciò che ci unisce di ciò che ci separa.

Non posso fare a meno di ricordare i tanti amici che ho in Italia. Un paese meraviglioso che ha accolto me e la mia famiglia per 12 anni in un modo che non dimenticherò mai. Oggi l'Italia è il paese con il maggior numero di decessi causati da questa malattia e questa sofferenza fa male a tutti noi, e continua a danneggiare la velocità con cui questo virus si sta diffondendo in tutto il mondo.

Ho trascorso molti compleanni lontano dalla famiglia. Perché sin da piccolo ho avuto l'opportunità, la gioia e l'immenso orgoglio di rappresentare il Portogallo. Sono stati molti i 29 marzo che ho trascorso in stage o viaggi, preparando le partite per la Nazionale. L'ho sempre fatto, non l'ho mai nascosto, con un desiderio tremendo. Sono passati anni consecutivi a spegnere le candeline con i miei colleghi, ma con la famiglia lontana.

Ora li ho al mio fianco. Ma oggi, nel giorno in cui compio 48 anni, non posso desiderare un altro dono diverso da questo: cerchiamo TUTTI - perché è l'unico modo che ha senso - di soddisfare ciò che ci viene chiesto in questo momento. Proteggeremo noi stessi, proteggeremo coloro che ci sono accanto, ci prenderemo cura l'uno dell'altro. Questo è tutto ciò che voglio chiedere, nella certezza che, in tal caso, torneremo presto alla normalità della nostra vita e godremo anche del calcio che amiamo così tanto.

Un abbraccio,

Rui Costa".