DE PAUL, Mai studiato la tattica, mi veniva naturale

01.10.2020 15:15 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
Fonte: fifa.com
© foto di www.imagephotoagency.it
DE PAUL, Mai studiato la tattica, mi veniva naturale

L'attaccante dell'Udinese Rodrigo De Paul, nelle ultime ore di nuovo accostato alla Fiorentina, si è raccontato a fifa.com: "È iniziato come un divertimento, anche se in tutti i miei ricordi e vecchie foto indosso abbigliamento da calcio e ho una palla con me, sia a casa che al Club Deportivo Belgrano, la mia seconda casa. Nient'altro mi interessava e, in ogni caso, non c'erano abbastanza soldi per una console o una PlayStation. Con il club del mio quartiere le cose mi venivano naturali. Non mi esercitavo con le mosse, ma riuscivo facilmente a eludere gli avversari, quindi sono cresciuto pensando che fosse il calcio fosse tutto qui (ride, ndr)".

Poi il passaggio al professionismo e alla... Nazionale, nel 2018: "Il direttore sportivo dell'Udinese, che conosceva Walter Samuel dai tempi della Roma, mi ha detto che mi avrebbe chiamato. Pensavo che in realtà mi volesse solo monitorare, ma quando ha confermato che ero in squadra è stato molto emozionante. Nemmeno io mi resi conto della grandezza di quello che era successo finché non non scesi in campo ad ascoltare l'inno. Leo Messi? Lo guardi ovviamente, ma quando inizi a condividere le cose con lui è così naturale che, invece di dirgli cosa pensi di lui, hai più voglia di chiedergli dei suoi bambini piccoli o di ricordargli di quando ti ha fatto fuori con i suoi tacchetti durante Valencia-Barcellona (ride, ndr). Nel momento in cui diventa il tuo capitano sei disposto ad andare in guerra per lui".