COIS, Vorrei un giovane per la mediana della Viola

23.06.2022 13:26 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
Fonte: Radio Bruno
COIS, Vorrei un giovane per la mediana della Viola
FirenzeViola.it
© foto di Andrea Pasquinucci

L'ex centrocampista viola Sandro Cois è intervenuto per parlare delle questioni legate alla Fiorentina: "Rui Costa giocasse oggi sarebbe Pallone d'Oro... Come sostituire Torreira? Sarà difficilissimo per le caratteristiche che ha, Amrabat ha caratteristiche diverse anche se è sempre un giocatore di livello. Mandragora mi piace, anche lui è diverso ma somiglia un po' di più a Torreira. Poi ha 4-5 gol a stagione e un gran tiro".

La scadenza contrattuale dei tecnici? "Un calciatore è un professionista, deve allenarsi e pensare alla società. Quindi non è che se c'è un anno di contratto, il tecnico ha meno polso dello spogliatoio. Se la società ritiene di lasciare un anno e basta di contratto poi l'allenatore sarà libero e ti prendi un rischio, ma i giocatori dipende da quanto sono legati all'allenatore: ci saranno quelli più dispiaciuti e quelli meno, ma è sempre la società che si prende le sue responsabilità. Io soffrii l'addio di Malesani e Trapattoni, ma anche di Terim perché ci ero legatissimo".

A chi somiglia Italiano? "Secondo me a livello di pressing somiglia a Malesani, così come a Terim. Però ognuno vede il calcio a modo suo: ad Italiano va riconosciuto di aver fatto un campionato incredibile anche se ha avuto battute d'arresto. Ma sennò sarebbe stato da Champions League. Ora va capito perché la Fiorentina non è scesa in campo in 4-5 partite".

Chi prendere a centrocampo per sostituire Castrovilli? "Non è semplice trovare un giocatore importante per la Fiorentina. A me piace tantissimo Frattesi per esempio, ma penso che andrà alla Roma. Bisogna puntare sui giovani affiancandogli giocatori d'esperienza. Vorrei vedere alla Fiorentina un centrocampista giovane e di prospettiva senza bruciarlo dopo due partite sotto la sufficienza. Ci vuole coraggio".

Andrea Sottil in Serie A? "Sono tre anni che glielo dico. Per me è arrivato anche tardi perché è molto bravo: resterà in Serie A per 15-20 anni. Mi ricordo che Batistuta chiedeva a Ranieri di giocare insieme a Sottil, perché lui non guardava mai in faccia nessuno e Batistuta aveva paura di farsi male".

Batistuta? "Io ho giocato con tanti grandi giocatori ma lui era incredibile. Aveva una potenza imbarazzante".