VOCALELLI A FV, CHIESA NON AVEVA BISOGNO DI RISCATTARE NIENTE. RIMARRÀ SE...

09.09.2019 21:00 di Alessio Del Lungo   Vedi letture
VOCALELLI A FV, CHIESA NON AVEVA BISOGNO DI RISCATTARE NIENTE. RIMARRÀ SE...

La partita contro l'Armenia aveva un po' allarmato i tifosi della Fiorentina che avevano visto un Federico Chiesa davvero fuori forma e deludente per quelle che sono le sue capacità. L'esterno classe '97 si è però decisamente riscattato ieri sera nella vittoria per 2-1 in Finlandia fornendo una prova più che discreta. FirenzeViola.it ha parlato in esclusiva di questo, ma anche dell'imminente sfida di sabato contro la Juventus, del mercato del club gigliato e di molto altro ancora con il giornalista di rango nazionale Alessandro Vocalelli, ex direttore del Corriere dello Sport - Stadio e del Guerin Sportivo.

Come giudica la prestazione di Chiesa ieri sera dopo le critiche ricevute?
"Si è esagerato. Non credo sia corretto e giusto mettere in discussione un calciatore come lui solo per una partita sottotono che capita anche ai campionissimi. I valori assoluti devono essere sempre e comunque riconosciute, può capitare a tutti di avere una serata no. A lui non chiedevo nessun riscatto semplicemente perché non aveva bisogno di riscattare niente. Rimane un giovane davvero molto promettente".

Commisso ha affermato di volerlo trattenere a lungo. Sarà possibile?
"Io penso che Chiesa giustamente abbia ambizione di giocare in un club con vetrina internazionale e che possa far bene anche in Europa. Se la Fiorentina avesse queste possibilità in futuro credo che lui sia ben felice e contento di rimanere altrimenti si andrebbe ad affrontare un discorso che va al di là delle volontà del ragazzo, ma che intacca le ambizioni di carriera di un calciatore forte come lui".

Alla ripresa dalla sosta ci sarà Fiorentina-Juventus.
"Partita complicata per i viola perché credo che la Juventus, malgrado ci siano state discussioni sull'avvio e sui tre gol subiti dal Napoli, rimane una squadra con soluzioni importantissime. Le partite a volte si decidono con i cambi e i cambi dei bianconeri sono di livello internazionale. La Fiorentina ha comunque già dimostrato contro il Napoli che vincere a Firenze quest'anno non sarà facile per nessuno".

Potrebbe essere finalmente arrivato il momento di Ribery da titolare?
"Sull'impiego penso che Montella vedendo i calciatori tutti i giorni ha la visione corretta e sa cosa è giusto fare. Senza dubbio Ribery è un grande giocatore, vanno capite le condizioni fisiche e quanto può dare, ma non si dimenticherà mai come si gioca a calcio. Ha una classe tale che può essere utile anche a partita in corso. Vedremo sabato.".

Un giudizio sul mercato della Fiorentina.
"Una discreta campagna acquisti. Sono arrivati giocatori molto interessanti, colpi come quelli di Ribery sono sensazionali, ma è andato via Veretout, a mio avviso un giocatore importante. L'acquisto migliore è stato tenere Chiesa. Il prossimo mercato deve essere importante per cercare di convincerlo a rimanere, sarebbe importante per il calcio italiano, per i tifosi viola e per la società".