SCHWARZ A RFV: "VIOLA, COL BRAGA SERVONO I LEADER E FIRENZE. JOVIC? PIÙ FIDUCIA"

08.11.2022 13:31 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
SCHWARZ A RFV: "VIOLA, COL BRAGA SERVONO I LEADER E FIRENZE. JOVIC? PIÙ FIDUCIA"

Tra Salernitana e Milan con un occhio già proiettato a febbraio, quando la Fiorentina sarà impegnata nel doppio playoff di Conference League contro lo Sporting Braga. Per analizzare i principali temi di attualità in casa viola nel corso della trasmissione "Viola amore mio" in onda su Radio FirenzeViola è intervenuto l'ex centrocampista Stefan Schwarz, che risiede da anni in Portogallo e conosce bene la realtà della squadra lusitana che Biraghi e compagni incroceranno: "A fine dicembre o a inizio gennaio tornerò finalmente a Firenze, una città che mi manca molto. Penso che i viola potessero fare meglio in questa prima parte di stagione ma sono certo che nei prossimi mesi arriveranno i risultati con maggiore continuità. La Fiorentina è una squadra di qualità, per questo penso che possa dare di più".

A febbraio l'incrocio con il Braga. E' stato il peggior sorteggio possibile?
"Credo di sì ma la Fiorentina ha più qualità. Il Braga resta una squadra molto pericolosa, specie nel reparto offensivo. E' un club che lavora bene, con un buon pesidente che ha investito molto in questi ultimi anni".

Il pericolo numero uno resta Vitinha?
"Sì e credo pure che Vitinha possa essere un giocatore ultile per il Mondiale. Ma anche i fratelli Horta giocano bene, sono due centrocampisti di qualità".

Il talento invece è Rodrigo Gomes...
"Confermo, è un bel calciatore, ma ripeto tutto il braga è una squadra competitiva. Mi piace molto il loro allenatore perché offre un calcio propositivo con anche una buona organizzazione difensiva. Sarà una bella partita, la Fiorentina ha bisogno di fare una prestazione tosta per passare".

Le percentuali per passare sono 60% Fiorentina e 40% Braga?
"Penso di sì, la Fiorentina è favorita ma ha bisogno di dimostrarlo sul campo. Sarebbe importante che in gare come queste si vedessero i leader in campo. Ma una mano la darà certamente anche il pubblico di Firenze nella gara di ritorno"

Di Jovic, infine, che idea si è fatto?
"E' un calciatore interessante ma ha ancora bisogno di tempo per dimostrare anche a Firenze di che pasta è fatto. Gli serve più fiducia da parte di tutto l'ambiente, solo così potrà esplodere".