S. BERTI A FV, RIALTI ERA LA MIA SPALLA: QUANTI ANEDDOTI

06.04.2020 16:40 di Giacomo A. Galassi Twitter:    Vedi letture
S. BERTI A FV, RIALTI ERA LA MIA SPALLA: QUANTI ANEDDOTI

Il ricordo di Alessandro Rialti. FirenzeViola.it ha contattato l'ex responsabile della comunicazione della Fiorentina Silvia Berti, che con Rialti ha passato tanti anni fianco a fianco a Firenze. E ai nostri taccuini racconta: "È stata la mia spalla in tutti i miei anni alla Fiorentina. Abbiamo riso e pianto insieme, è stato presente in ogni giorno dei miei sette anni della Fiorentina con una media di 4-5 telefonate al giorno. Per me è stato un fratello, un amico. Abbiamo litigato tantissimo professionalmente ma umanamente eravamo legatissimi. C'era un legame fortissimo".

Qualche aneddoto sul vostro rapporto?
"Ce ne sono centinaia. Ricordo che una volta beveva una Coca Cola a Parma dopo aver avuto qualche problema fisico: gliela presi e gliela tirai addosso perché non doveva berla. Il nostro rapporto era così. Lui ha sempre goduto nella sua vita, avendo grandi soddisfazioni anche dai suoi figli".

Cosa ha significato per lei e per Firenze la sua figura?
"È stato un maestro anche per me. Io mi son trovata catapultata alla Florentia Viola e senza avere accanto persone come lui non avrei tirato fuori nulla. Ho avuto anche altri maestri, devo riconoscenza a tante persone. Ma lui era speciale. Ricordo una volta in C2 mi fece ridere tantissimo, quando si mise a dire: 'Se chiedi chi ci capisce di calcio qui, risponde l'eco (ride, ndr)'. Ma me ne viene in mente anche un altro"

Ci racconti. 
"Un'altra litigata furiosa fu fuori dallo stadio dopo che la società rifiutò di dargli l'intervista di Jorgensen. Accanto al Bar Marisa si mise a gridare: 'Allora io mi incateno!". Che poi, fosse stato per me, avrei dato sempre tutte le interviste perché le interviste dei propri calciatori sono il vero valore del club".

Per quanto riguarda la nuova proprietà della Fiorentina, invece, che opinione si è fatta?
"Ho incontrato sia Barone che Commisso e mi sono piaciuti molto. Hanno dovuto fare i conti con un tipo di cultura e di mentalità diversa, meno veloce rispetto a quanto vorrebbero. Però mi paiono furbi abbastanza per poter mettere in atto i loro progetti".

Fra uomo e donna non può esserci amicizia. Vi può essere passione, ostilità, adorazione, amore, ma non amicizia. (Oscar...

Pubblicato da Silvia Berti su Domenica 5 aprile 2020