PROIETTI A FV, QUESTA ROMA MI FA SPEGNERE LA TV. TEMO MOLTO LA GARA CON LA FIORENTINA

01.04.2019 20:00 di Giulio Falciai  articolo letto 4576 volte
PROIETTI A FV, QUESTA ROMA MI FA SPEGNERE LA TV. TEMO MOLTO LA GARA CON LA FIORENTINA

Gigi Proietti è sicuramente uno degli attori romani più affezionati e legati ai colori giallorossi. Considerato tra i re del teatro italiano intorno agli anni Settanta, ha poi riscosso tantissimo successo anche nel mondo televisivo per la sua presenza in vari programmi noti a tutti. Per analizzare la difficile situazione in casa Roma, prossima avversaria della Fiorentina, che dopo l'esonero di Di Francesco e l'arrivo dell'ex allenatore viola Claudio Ranieri non ha sicuramente migliorato la propria classifica, FirenzeViola.it ha contattato, in esclusiva, l'attore e conduttore televisivo originario di Roma.

Signor Proietti, che aria si respira in questi giorni in casa Roma? 
"La situazione è a dir poco tragica. Siamo tuti quanti un po' addolorati. Gli ultimi risultati della Roma hanno fatto scendere ogni minimo entusiasmo dei tifosi. Non c'è più la passione e il fervore di inizio stagione. Qualsiasi mio amico romanista che incontro per strada mi guarda in modo sconfortato e appena parliamo di Roma, insieme, sbuffiamo. Io, ormai, spengo sempre la televisione prima che finisca la partita. Non mi ricordo neanche l'ultima volta che ho vista una sfida della Roma fino al triplice fischio. Pensavo che con Ranieri la situazione migliorasse un po' ma invece è solo andata peggiorando. Come sempre i giocatori buoni ci sono ma la squadra non gira". 

Quindi che partita si aspetta mercoledì?
"Sicuramente spero una migliore rispetto a quella di Coppa Italia (ride, ndr). Se si dovesse ripetere una gara come il 7-1 sarebbe la fine. Ormai noi tifosi abbiamo paura di tutte le squadre. Dalla Fiorentina al Chievo Verona. Non sarà facile per noi perché i viola sono giovani e e hanno un bel calcio. Mi è sempre piaciuta come squadra. Ai tempi di Montella ne ero innamorato. Io sono un po' montelliano". 

Si parla di Di Francesco come prossimo allenatore della Fiorentina. Che ne pensa del mister, ormai, ex Roma?
"Eusebio è un ottimo allenatore, come anche Ranieri. È sempre stato sottovalutato, con noi ha raggiunto una semifinale di Champions League e sfiorato un quarto di finale. Non so perché se ne sia andato, non sono un tifoso che indaga molto ma qualcosa all'interno della società c'è stato sicuramente. A Firenze potrebbe fare benissimo perché lui deve avere le mani libere e lavorare con i giovani. A Sassuolo fece benissimo e, secondo me, a Firenze può ripetersi".