GALLI A FV, ECCO COME È FINITO ALL'EMPOLI TRAORÈ. LUI E IL FRATELLINO...

15.01.2019 13:00 di Luciana Magistrato  articolo letto 9765 volte
© foto di Federico De Luca
GALLI A FV, ECCO COME È FINITO ALL'EMPOLI TRAORÈ. LUI E IL FRATELLINO...

Nell'arrivo di Hamed Junior Traorè all'Empoli c'è lo zampino di Giovanni Galli che ha subito intravisto le potenzialità di questo ragazzino alcuni anni fa, quando era dirigente della Lucchese: "In realtà lo ha scoperto, insieme al fratello più piccolo che ora gioca nell'Atalanta, un mio amico emiliano  con il quale condivido viaggi umanitari in Burkina e Mali - racconta in esclusiva - Un giorno mi contattò perché aveva ospitato due fratellini, del 2000 e del 2002, che secondo lui erano bravi a giocare a calcio e me li portò alla Lucchese. In effetti mi trovai di fronte a due ragazzini nei quali si intravedevano già grandi potenzialità e anche più avanti fisicamente rispetto alla loro età. Hamed che era più grande era anche più piazzato, l'altro, Amed Diallo, era mingherlino ma aveva un mancino incredibile, mi ricordò Robbiati. Con il provino si vedeva che erano bravi, li feci giocare con i 98 nonostante fossero più piccoli e la differenza di età non si vedeva anzi... avevano un buon piede, il piccolino faceva dribbling e tunnel agli avversari e li prendeva anche in giro, per dire la sicurezza con cui giocavano". 

Come sono finiti ad Empoli e Atalanta allora? "A malincuore dissi di non poterli tesserare perché in serie C, alla Lucchese, era complicato fare questo tipo di operazioni con giocatori così piccoli, dovendo assicurare anche una struttura per la famiglia, così pensai subito all'Empoli e glieli segnalai visto che conoscevo la dirigenza e che so essere il club adatto per far crescere un ragazzo nel migliore dei modi. C'era anche il Parma su di lui ma aveva problemi perché era sull'orlo del fallimento e non poté prenderlo. Ovviamente con la sua bravura e avendo due anni in più Hamed è arrivato prima tra i grandi, l'altro è andato a Bergamo all'Atalanta, con la madre, e forse è ancora più talentuoso del fratello maggiore, in un ruolo diverso, perché dà veramente del tu al pallone".

Lo vede bene alla Fiorentina? "In prospettiva lo vedo bene in qualsiasi squadra, ora credo che alla Fiorentina servirebbe un centrale più esperto"

Paragone? "Lo hanno paragonato a Seedorf...forse come struttura fisica. Anche se Seedorf  faceva più gol ed aveva un'intelligenza tattica fuori dal comune. Lui è molto giovane però, ha tutto il  tempo per imparare".