ERANIO A FV, IACHINI MERITA DI PIÙ. CASTROVILLI SERVA DA ESEMPIO ALLE ALTRE SOCIETÀ

21.02.2020 13:30 di Alessio Del Lungo   Vedi letture
ERANIO A FV, IACHINI MERITA DI PIÙ. CASTROVILLI SERVA DA ESEMPIO ALLE ALTRE SOCIETÀ

La classifica di Serie A ed il momento che stanno vivendo le due squadre fa capire quanta importanza assuma Fiorentina-Milan di sabato sera al Franchi. Vincere vorrebbe dire per entrambe poter ambire a traguardi diversi e pensare anche di poter fare un altro tipo di campionato. FirenzeViola.it per approfondire le tematiche di questa sfida ha contattato, in esclusiva, l'ex rossonero, Stefano Eranio.

Che partita si aspetta tra Fiorentina e Milan?
"Certamente sarà un incontro difficile per entrambe le formazioni perché si scontrano due squadre che sono in salute ed hanno trovato un assetto giusto. È sicuro che il Milan potrebbe avere un vantaggio per la qualità dato che è un po’ superiore, ma Firenze è un campo difficile e storicamente complicato".

Come valuta le prestazioni dei viola con Iachini in panchina?
"Per me Beppe è un amico, ma si tratta anche di un tecnico che è sempre stato competente. Il suo compito è il più difficile visto che è chiamato sempre a salvare situazioni complicate... Meriterebbe una squadra dall'inizio del campionato che possa gestire... Ha grandi capacità e lo sta dimostrando. Alla Fiorentina con la dedizione ed il lavoro sta facendo esprimere al meglio i giocatori che ha: sono contento per lui perché lo merita".

Quali sono i giocatori che più la hanno impressionata della Fiorentina?
"Castrovilli su tutti è quello che ha dato veramente dimostrazione di essere in possesso di grandissime qualità e questo deve far pensare tutte quelle società che vanno a pescare giocatori stranieri quando invece in categorie inferiori c'è grande qualità. Per Castrovilli è più facile giocare in A piuttosto che in B o in C".

Quali saranno i giocatori del Milan più pericolosi per i viola?
"È normale che c’è una minaccia costante che si chiama Ibrahimovic anche se non si muove più con continuità. L'esperienza lo porta a gestirsi fisicamente ed adesso con Pioli la squadra ha un senso del gioco. Si sta rivalutando anche Rebic che non riusciva ad esprimersi ed ora sembra diventato un altro giocatore con grandissime qualità. Spero possa recuperare Calhanoglu, sempre sottostimato, ma chiunque lo alleni lo schiera sempre titolare... Dedizione e sacrificio per la squadra".

Come valuta il mercato della Fiorentina?
"Ha preso giocatori come lo stesso Duncan che ha fatto anni dove ha dimostrato di essere un buon centrocampista anche se poi non è riuscito a dare grande continuità. Cutrone si muove bene ed i gol li farà sempre e comunque, ma va messo in condizione di rendere al meglio. Fa tanto lavoro sporco, è generoso... Ribery anno prossimo sarà quasi un nuovo acquisto, sono contento non ci sia sabato perché all'andata aveva già fatto molti danni (ride, ndr). La Fiorentina ha fatto colpi in prospettiva grazie al presidente Commisso che è una persona che stimo, molto umana e capace che avrà bisogno anche di un pizzico di fortuna. Gli auguro di fare le cose ottimamente, ma ha bisogno anche di un po' di sorte visto che nel calcio si ha bisogno anche di questo".