CORSI A FV, ECCO I RETROSCENA DELL'OPERAZIONE TRAORÈ. RASMUSSEN RINVIATO A GIUGNO

17.01.2019 19:30 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
CORSI A FV, ECCO I RETROSCENA DELL'OPERAZIONE TRAORÈ. RASMUSSEN RINVIATO A GIUGNO

Intervenuto ai microfoni di "Garrisca al vento", trasmissione a cura di Firenzeviola.it sulle frequenze di RMC Sport, Fabrizio Corsi, Presidente dell'Empoli, ha parlato dell'ultimo acquisto in casa viola Traorè e di altri temi:

Ci può raccontare come è andata la trattativa per Traoré?
"Siamo contenti per il ragazzo anche se ci prende una vena di tristezza nel veder partire un ragazzo che abbiamo cresciuto. Un po' di malinconia che ci prende ogni volta che cediamo un giocatore che è cresciuto con noi. E' un predestinato. Ci hanno preso un po' per la giacca: Corvino ha deciso di bruciare tutti lasciandocelo a noi. Gli altri erano interessati per prenderlo a giugno, invece lui ci ha permesso di guadagnare qualcosa da utilizzare sul mercato mantenendolo in rosa con la speranza che ci possa dare un contributo importante per la salvezza". 

Negli ultimi anni come sono cambiati i rapporti con la Fiorentina? 
"I rapporti sono sempre stati molto cordiali e amichevoli. Anche e soprattutto con Della Valle. Io ho commentato degli affari ma l'ho fatto da tifoso della Fiorentina. Della Valle è sempre stato molto cordiale con me e il rapporto si è rinsaldato con loro perché li ho sempre sostenuti in chiave viola. Ogni volta che smetto i panni di presidente e tifoso dell'Empoli, voglio che a Firenze le cose vadano bene e la politica attuale della Fiorentina mi piace molto. A Firenze non viene accettato che la squadra non possa puntare al secondo o terzo posto, ma è una gestione intelligente che mi piace. Io preferisco la politica dei giovani piuttosto di quella che nel recente passato ha portato Mario Gomez in riva all'Arno. E' un'assurdità pensare di immettere 30-40 milioni per il mercato e per fare la guerra a Juventus o Inter e poi perderla. Io sono per la politica che stanno portando avanti adesso". 

Vlahovic e Thereau sono due nomi che vengono accostati da giorni all'Empoli, cosa ci può dire?
"Il primo lo abbiamo valutato e anche se ci piace, ha delle caratteristiche diverse da quelle che cerchiamo. E' un attaccante più da area di rigore mentre noi dobbiamo cercare un calciatore che attacchi la profondità. Thereau è un giocatore forte però forse è un po' troppo esperto. E' un mercato difficile. Dovremo mettere dentro qualcosa per avere delle alternative anche al modulo che facciamo con l'arrivo di Iachini. Speriamo di essere nelle condizioni di rafforzare la squadra".

Krunic è un altro giocatore che pare interessare molto al Genoa, sarà un'altra cessione dolorosa o lo terrete fino a giugno?
"La cessione di Traoré magari ci permette di tenere Krunic. Magari lui non sarà contento ma bisogna che ci dia una mano. Ha firmato un contratto da giocatore importante lo scorso agosto, che prevedeva che ci desse una grossa mano. In questo momento l'idea è quella di tenermelo stretto fino a giugno. E' un tassello che ci permette di avere quattro titolari forti a centrocampo, vediamo se riusciamo a metterne dentro un altro". 

La Fiorentina è interessata a Rasmussen? 
"Pantaleo ce l'ha chiesto e noi abbiamo detto che rimanderemo tutto a giugno. Ha fatto poche partite da titolare con noi ed è destinato a giocare titolare da qui alla fine del campionato. E' un giocatore che anche le squadre molto importanti seguono vedendo che è molto forte. Dobbiamo fare un salto di qualità in difesa e speriamo che sia lui la chiave, magari con un altro difensore in entrata. E' un giocatore di grandissima prospettiva". 

Cosa pensa del rendimento di Saponara, prima in viola e poi attualmente alla Sampdoria?
"Non trova continuità. E' un talento che ha le doti del campione che però non trova l'equilibrio mentale che gli permetta di avere continuità nelle prestazioni. Se lo vedi in una o due partite, ti lascia senza fiato, però non conta farne solo due alla volta, devi farne dieci di fila per convincere. Sono molto dispiaciuto per il suo rendimento, perché è un ragazzo che ho visto crescere e ha il taglio del campione e lo avrei voluto vedere sbocciare in viola. Giampaolo lo ha preso perché ha fatto cose straordinarie nel suo Empoli e lo conosce molto bene. L'unica cose che vedo come limite, non pare riuscire ad adattarsi in altri ruoli se non sulla trequarti. Mentre Traoré per esempio, dove lo sposti dimostra una maturità da 30enne. Anche l'Inter ci ha detto che la caratteristica alla quale erano maggiormente interessati era proprio questa sua duttilità in mediana". 

Zajc sta incontrando qualche difficoltà, cosa ne pensa? 
Le difficoltà arrivano dal fatto che deve giocare dietro le punte e avendo cambiato modulo è stato un po' penalizzato. Io credo che ha delle grandi potenzialità tecniche, però ha bisogno di dimostrare anche un maggiore adattamento. Lo aspettiamo.