COMPPER A FV, MONTELLA CON PRADÈ PUÒ RIPETERSI. BORJA? QUALITÀ, GAMBA E CUORE

21.06.2019 19:30 di Dimitri Conti Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
COMPPER A FV, MONTELLA CON PRADÈ PUÒ RIPETERSI. BORJA? QUALITÀ, GAMBA E CUORE

Con l'insediamento - a dir la verità già avvenuto - di Montella in panchina e il ritorno di Pradè in dirigenza, la Fiorentina, nonostante il passaggio di proprietà, sembra voler guardare indietro di qualche anno alla ricerca della giusta formula per ricominciare. Se poi ci si aggiunge anche il recente accostamento a Borja Valero, che fu già nominato sindaco di Firenze per esplicito amore popolare, il quadro si costruisce perfettamente. In viola per un anno e mezzo dal gennaio 2013 all'estate del 2014, il difensore centrale Marvin Compper, oggi al Celtic, conosce i protagonisti del racconto meglio di tanti altri, e noi di FirenzeViola.it lo abbiamo intervistato in esclusiva.

Partendo dal suo di presente, come sta andando al Celtic?
"Qui abbiamo già cominciato: questa settimana abbiamo iniziato la preparazione dato che dovremo giocare tutte le fasi di qualificazione per la Champions League... Significa riprendere presto. Quest'anno comunque spero di poter giocare un po' di più rispetto alle prime due stagioni qui in Scozia".

Passiamo invece al presente della Fiorentina, che parla americano. Cosa ne pensa della nuova proprietà?
"Credo che per la Fiorentina possa rappresentare la possibilità di cambiare qualcosa, e, chissà, magari anche far crescere le ambizioni".

 Tornando invece indietro di qualche anno: Che ricordi conserva della sua esperienza in viola?
"La prima stagione stavamo per finire terzi... ricordo che c'eravamo quasi ma negli ultimi minuti il Milan ha segnato e ha vinto a Siena. Sono state delle brutte sensazioni ma nel periodo trascorso a Firenze avevamo una squadra davvero bellissima!".

In panchina c'era Montella, lo stesso tecnico confermato dalla nuova proprietà. Pensa sia l'uomo giusto?
"Sì, negli ultimi dieci anni la Fiorentina migliore è stata quella allenata da mister Montella. Non vedo perché non possa riuscire a ripetersi".

E c'era pure Pradè dirigente. Pure lui è stato richiamato, scelta corretta?
"Lui probabilmente è stato richiamato per aggiungere giocatori forti alla squadra, è sempre stato così il suo lavoro e sarà anche stavolta. In passato ha fatto un lavoro splendido, portando calciatori di valore, che hanno dato tantissimo alla Fiorentina sia dal punto di vista del gioco che economico, gente come Savic, Cuadrado, Borja Valero...".

Proprio quest'ultimo, signor Compper, è stato recentemente accostato ai viola. Come lo valuterebbe un suo ritorno?
"Ha la qualità per aiutare la Fiorentina anche a 34 anni. Ho visto che nello scorso campionato è sceso spesso in campo con l'Inter, significa che ha la gamba giusta e che si sente ancora bene. In più penso che tornare a Firenze, per lui, sarebbe una questione di cuore".