VLAHOVIC TRA GOL E SIRENE, RINNOVO CON IL COLTELLO DALLA PARTE DEL MANICO

22.02.2021 20:00 di Luciana Magistrato   Vedi letture
VLAHOVIC TRA GOL E SIRENE, RINNOVO CON IL COLTELLO DALLA PARTE DEL MANICO
© foto di Federico De Luca

Con il nono gol in campionato (8 con Prandelli in panchina), Vlahovic non solo sta diventando il punto di riferimento della Fiorentina ma anche un centravanti in crescita, che sta attirando su di sé molte attenzioni vista anche la giovane età (classe 2000). Oggi lo osannano tutti gli addetti ai lavori ed anche la Lega lo ha voluto celebrare proprio come una garanzia tra i giovani. E in effetti la continuità nel fare gol porta i numeri dalla sua parte e fiducia da parte dei compagni che con lo Spezia hanno potuto contare anche su un suo assist. E per quelle società che cercano un centravanti, Vlahovic è sicuramente un giocatore sul quale mettere gli occhi e le mani, approfittando anche del rinnovo che per ora non è arrivato. Così la Roma prova ad inserirsi per sostituire Dzeko e prima ancora lo aveva fatto il Milan, complice un rapporto non ottimale tra il club viola e l'entourage.

Le parti avevano iniziato a parlarne ma la discontinuità del giocatore e della squadra in generale hanno creato una grande divergenza tra offerta e richiesta e, complice la classifica difficile, tutto è stato rinviato di qualche mese  (si aspetterà Commisso a fine marzo?). La scadenza in realtà è al 2023 e prima la Fiorentina deve risolvere situazioni contrattuali più urgenti ma gli 800mila euro percepiti da Vlahovic non possono non essere ritoccati alla luce della crescita fatta dal giocatore. Giocatore che anche domenica ha ringraziato pubblicamente Prandelli che lo ha reso il titolare inamovibile, dandogli così sempre maggiore fiducia, ed ha sempre sottolineato di stare bene a Firenze ma di fronte a ingaggi top e vetrine europee è difficile resistere e questo rendimento sul tavolo delle trattative con i viola lo pone con il coltello dalla parte del manico.