L'ASSIST DI PRADÈ: IL PROSSIMO OBIETTIVO È SULLA SINISTRA

11.09.2020 17:00 di Dimitri Conti Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
L'ASSIST DI PRADÈ: IL PROSSIMO OBIETTIVO È SULLA SINISTRA

La conferenza stampa tenuta ieri dal ds Daniele Pradè ha fornito diversi spunti di riflessione, soprattutto in ottica calciomercato. A partire dalla (reale?) valutazione di una rosa a suo giudizio già competitiva per com'è adesso, con però due posizioni eventualmente da dover sistemare. "Forse manca un'alternativa a sinistra a Biraghi, e per essere pignoli potremmo arrivare a sei difensori centrali": questa la frase che più di ogni altra ha fornito un assist a proposito delle reali esigenze di casa Fiorentina, in particolare per quanto riguarda la prima necessità: quella di arrivare ad un laterale sinistro, visto che al momento di interpreti naturali del ruolo c'è soltanto Biraghi, la cui posizione peraltro è in attesa di essere stabilizzata da un rinnovo.

Nel finale dello scorso campionato, quando Dalbert non era disponibile, Iachini ha adottato la soluzione di un Lirola adattato, che però ha espresso qualche limite nella capacità di coprire l'intera fascia in entrambe le fasi dovendo giocare quasi sempre con il piede debole. Lo stesso dicasi per Venuti, per il quale però era stato maggiormente Montella l'artefice dell'adattamento a sinistra. Insomma, il motivetto - anche alla luce della partenza di un Terzic comunque fin qui praticamente mai visto - porta all'inseguimento di un nome nuovo sul calciomercato.

Ma chi? Ad oggi di piste caldissime non sembrano esserci, ma certamente qualche profilo che stuzzica la fantasia di tifosi e dirigenti gigliati c'è. A cominciare da Luca Pellegrini, rientrato alla Juventus dopo il prestito al Cagliari: nell'incontro con Raiola di mercoledì potrebbe essere infatti venuto fuori anche il suo nome, seppure in queste ore si stiano facendo largo indiscrezioni che lo vorrebbero come possibile membro stabile della squadra di Pirlo per la prossima stagione, visti anche i problemi numerici avuti dalla Vecchia Signora su quella corsia. Oppure Ken Sema, oggi in forza al retrocesso Watford dopo l'annata all'Udinese, seppure il suo nome non trovi ancora vigorose conferme. Un altro nome ribadito da numerose testate è quello di Leonardo Spinazzola, seppure nel suo caso gli ostacoli economici appaiano assai difficili da aggirare, sia per costo del cartellino che per ingaggio. Chissà che dalla Roma non possa invece muoversi Riccardo Calafiori? Il classe 2002 è profilo che piace in casa viola, ma ad oggi la società giallorossa fa muro per un addio definitivo, volendo invece credere nelle sue potenzialità. Possibile altrimenti che sia un nome diverso da quelli elencati qua sopra, ma una cosa è certa: a sinistra serve un rinforzo, possibilmente senza arrivare a ridosso delle ultime ore. L'ha fatto capire pure Pradè, d'altronde.