CUADRADO DECIDE, GARANZIA ROSSI, ILICIC/MATOS FLOP

11.05.2014 16:52 di Tommaso Loreto Twitter:    vedi letture
CUADRADO DECIDE, GARANZIA ROSSI, ILICIC/MATOS FLOP
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

ROSATI – Praticamente spettatore per tutto l'arco della prima frazione di gioco. Il primo intervento arriva su punizione di Emerson che devia in calcio d'angolo. Gita al mare, 6.

RONCAGLIA – Diagonale azzeccata, sul finire di primo tempo, che gli consente di anticipare Mesbah al momento giusto. Il resto è ordinaria amministrazione, inclusa l'amminizione per fallo su Belfodil, 6.

RODRIGUEZ – Belfodil lo anticipa di testa, sulla prima occasione del Livorno, mandando però a lato. E' l'unico momento in cui il Livorno si vede in area di rigore viola, ma anche nella ripresa c'è qualche sbavatura di troppo, 5,5.

SAVIC – Non deve sudare sette camice per tenere a bada l'attacco del Livorno, ma si fa trovare puntuale sulla discesa di Belfodil a metà primo tempo. Senza preoccupazioni, 6.

VARGAS – Fa buona guardia, nei primi venti minuti, marcando a dovere Siligardi dalla sua parte. A poco dall'intervallo è protagonista di una mini zuffa con Ceccherini e rimedia il giallo. Nel secondo tempo mette i brividi al portiere amaranto con un traversone da sinistra. Buona volontà, 6,5.

AMBROSINI – Una gamba tesa su Duncan in mezzo al campo, poi prova a imbeccare Matos in area di rigore ma il brasiliano è in off-side. Fa il suo, 6.

AQUILANI – Tentativo da fuori area, dopo un quarto d'ora, che finisce fuori di poco. Dà la sensazione di avere più voglia degli altri, e nel secondo tempo ci riprova da fuori area. Sufficienza meritata, 6.

BORJA VALERO – Fa girare molto la palla, ma di verticalizzazioni se ne vedono poche per tutto il primo tempo. Dopo l'uscita di Matos va a fare il trequartista, ma non è propriamente in una delle sue giornate migliori, 5,5.

Dal 42'st MATI FERNANDEZ - S.v.

ILICIC – Tentativo, su punizione, sopra la traversa dopo ventisei minuti di gioco. Si rivede più tardi quando sfrutta una punizione battuta veloce da Cuadrado liberando Ambrosini al limite. Certo non dà la sensazione di dannarsi l'anima, tanto meno di essere il più rapido dei suoi. Anzi conferma di essere un rebus parecchio complicato, 5.

Dal 12'st ROSSI – Due minuti e mette Cuadrado in porta. Ai tifosi del Livorno, che gli indirizzano cori verognosi, consigliamo di rivedere le sue giocate. Non capiterà spesso, in futuro, di rivedere un campione come “Pepito”. E' tornato una garanzia, 6,5.

CUADRADO – Subito pericoloso, in avvio, costringe Anania al primo, difficile, intervento. Si eclissa fino a quando Rossi lo mette davanti ad Anania. Il primo tentativo non è felice, il secondo sì. Prova a rendere il favore a Rossi, poco dopo, su un bel lancio dalle retrovie. Migliore in campo, 7.

MATOS RYDER – Ammonito per fallo, abbastanza inutile, su Emerson. Il nervosismo prosegue, tanto da compicciare poco o nulla fino all'intervallo. Impalpabile, 5.

Dal 1' st PIZARRO – Non al meglio alla vigilia si piazza nella sua zolla e non sbaglia un passaggio, 6.

MONTELLA – Tutte confermate le indiscrezioni della vigilia, con Ilicic dietro a Cuadrado e Matos e con Roncaglia e Vargas a fare i terzini nella difesa a quattro. Nel primo tempo la gara è soporifera, e la Fiorentina non fa molto per alzare i ritmi se si esclude un buon inizio da parte di Cuadrado. A inizio ripresa toglie uno spento Matos per inserire Pizarro, mentre dopo 10 minuti tocca a Rossi al posto di Ilicic. Quest'ultima è la mossa giusta, perchè proprio Rossi serve a Cuadrado il pallone del vantaggio. La gara è virtualmente chiusa anche se Rossi potrebbe raddoppiare e se nel finale c'è spazio per l'ingresso di Mati Fernandez al posto di Borja Valero. Con i tre punti di oggi arriva la matematica del quarto posto, e al di là del futuro resta un'impresa esserci riusciti senza aver avuto praticamente mai Gomez e con Rossi soltanto nel girone d'andata, 6.