SERIE A, La Moviola della diciassettesima giornata

24.12.2007 08:02 di  Redazione FV   vedi letture

Diciassettesima giornata, sabato sera tolleranza-zero in area di rigore, col rischio di concedere penalty generosi, come accaduto all’Olimpico. Ieri disastro-Trefoloni al San Paolo: concessi due rigori, uno per parte, che non c’erano. Morganti nega un penalty al Milan (che poteva andare sullo 0-2). Giusti i rigori di Firenze e Palermo. De Marco ne nega uno al Livorno. Damato, aiuti involontari alla Juve.
Genoa-Parma, arbitro Girardi. C’è il rigore che propizia il gol-vittoria. Paci strattona vistosamente Borriello. Ripresa, abbaglio del guardalinee Galloni che segnala un fuorigioco di Pisanu che non c’è. Giusto ammonire Borriello: brutto fallo. Annullato nel recupero un gol di Papa Waigo: sbagliando.
Roma-Sampdoria, arbitro Gervasoni. Primo tempo, Campagnaro tocca la maglietta di Ferrari che finisce a terra. L’arbitro, ben posizionato, rileva il fallo (veniale) dell’argentino, concedendo il rigore.
Fiorentina-Cagliari, arbitro Russo. Regolare il provvisorio 1-1 di Fini. L’ex-centrocampista ascolano calcia e segna: Mancosu è in posizione di fuorigioco passivo. Sul 2-1 concesso un rigore a favore dei viola. Vieri ruba il tempo a Bianco che lo spinge.

Il penalty c’è.
Inter-Milan, arbitro Morganti. Sullo 0-1 non concesso un rigore ai rossoneri. Cambiasso, da terra, aggancia con la mano il piede di Kakà, facendolo cadere. Di lì a tre minuti Cruz pareggerà il conto del derby.
Juventus-Siena, arbitro Damato. Primo tempo, Nedved propizia il terzo gol stagionale di Salihamizic ma la posizione di Trezeguet desta molti dubbi. Tiago rifila un pugno a Locatelli: graziato.
Livorno-Atalanta, arbitro De Marco. All’89’ Manfredini sgambetta Balleri in area nerazzurra, rigore sacrosanto che De Marco però non concede.
Napoli-Torino, arbitro Trefoloni. La direzione di gara più sciagurata della domenica. Primo episodio: Bjelanovic cerca di colpire di testa in area azzurra, Domizzi, col piede, allontana. Abbaglio del direttore di gara che rileva un fallo di mano (o di braccio) del centrale azzurro, concedendo un rigore allucinante. Nella ripresa la seconda decisione errata: sull’invito in profondità Zalayeta si lascia cadere davanti a Sereni. Il replay dell’azione già vissuta nella partita contro la Juve (anche in quella circostanza Bergonzi si fece ingannare dall’uruguaiano). Il rischio è che ora Zalayeta venga squalificato.
Palermo-Lazio, arbitro Orsato. Primo tempo, fischiato ai danni di Makinwa un fuorigioco che non c’è. Ripresa, buono il raddoppio di Amauri, tenuto in gioco da Kolarov. Regolare il due a uno di Firmani. Scontro fisico e minacce reiterate tra Guana e Del Nero, compagni di squadra nel Brescia: neppure ammoniti. Siviglia spinge Amauri: rigore per il Palermo ed espulsione del centrale difensivo.
Reggina-Catania, arbitro Rosetti. Regolari i gol di Vigiani.
Udinese-Empoli, arbitro Valeri. Regolare il gol di Dossena.