G. NANI, Ribery mi ricorda il mio Guardiola di Brescia

16.10.2019 19:18 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
Fonte: Radio Bruno Toscana
© foto di Balti Touati/PhotoViews
G. NANI, Ribery mi ricorda il mio Guardiola di Brescia

Gianluca Nani, ex ds del Brescia, ha così parlato in vista della sfida di lunedì sera tra le Rondinelle e la Fiorentina

“Ricordo che ricevetti tante critiche quando lavoravo lì, perché portavo troppi stranieri. Nella squadra di oggi vedo bene Cistana e Tonali, che da tifoso bresciano spero possa rimanere più a lungo possibile. Credo però che qualcuno presto arriverà, tra le grandi squadre, per portarselo via. Il Brescia sa giocare a pallone, Corini sta facendo un buon lavoro. Di contro la Fiorentina, che sa difendere e ripartire in velocità con i giocatori di qualità che ha davanti. Montella sembra aver trovato la quadratura, e credo sarà una bellissima partita, come con la Juve. Me la vedrò molto volentieri, perché promette gol e spettacolo. Ribery? Non me l'aspettavo, sono sincero. Parliamo di un fuoriclasse, ma è arrivato a 36 anni dopo un paio di stagioni non al top per infortuni. In quel ruolo lì, in cui serve velocità e agilità, non credevo di poterlo vedere così bene. In questo momento è uno di quei giocatori che fanno la differenza, cambia le partite. Poi noto che si è inserito subito, e nel modo giusto, vedi quanto ci ha messo poco ad imparare l'italiano... Complimenti a Daniele Pradè. Questa è la classica operazione che serve tantissimo per una squadra com'è la Fiorentina. Mi riporta in mente quando portai Guardiola, ex capitano del Barcellona, a Brescia: andava a prendere Mareco e Stankevicius con la macchina e li portava al campo. Se Ribery prende da una parte Chiesa o Sottil, lo fa crescere tantissimo. Questi sono giocatori che hanno le stigmati del campione".