COMMISSO, Pazienza e Viola sarà top. Il Franchi...

16.08.2019 12:58 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
COMMISSO, Pazienza e Viola sarà top. Il Franchi...

Intervistato da FootballItalia.net, il presidente della Fiorentina Rocco Commisso è tornato sull'acquisizione del club di Firenze: "Possiedo la mia azienda da oltre 20 anni e le condizioni finanziarie sono migliorate così tanto che mi sono innamorato dell'idea di acquistare una squadra di calcio. Quindi, nel 2016, mi è stato presentato il progetto Fiorentina mentre stavano cercando di vendere. Ho fatto un'offerta e non è successo niente. Pensavo che i venditori, i fratelli Della Valle, l'avessero tolta dal mercato. Poi, nel 2018 c'è stato un approccio dalla Fiorentina, anche se devo dire che non ho mai incontrato i proprietari. Ho detto "bene, il prezzo è giusto", e abbiamo proceduto a firmare una lettera di intenti. 

Cosa possono aspettarsi i tifosi? Dirò cosa ho detto al sindaco di Firenze. Ho 69 anni, voglio guadagnare con questo investimento e riportare la Fiorentinanel posto che merita. Ho il piano e i mezzi, ma non sarà immediato. Ci vorrà del tempo e i tifosi devono rendersene conto. Vogliamo migliorare la base delle entrate. Basta guardare la Juventus, hanno una base di entrate di € 400 milioni, la Fiorentina ha una base di entrate di circa € 100 milioni. Questo dipende dal marchio, più soldi guadagni, più investi, più investi, più soldi guadagni, è un circolo vizioso. Vogliamo avere un Centro Sportivo, vogliamo che la Primavera, la squadra giovanile e la squadra femminile facciano tutti lo stesso centro della prima squadra. Abbiamo anche avuto incontri sullo stadio, lo stiamo riparando, ricostruendolo, spostandolo? Le persone devono capire che dobbiamo investire per cambiare l'infrastruttura, in questo modo possiamo fare soldi per poi investire di nuovo. 

Chiesa? Lui fa molto parte del nostro progetto, questa squadra ha bisogno di qualità e non quantità.

La International Champions Cup? Penso che questo sia stato l'inizio della nostra opportunità di branding, perché, come ho già detto, per aumentare le entrate devi avere il riconoscimento del marchio. Le cose ovvie, come esportare negli Stati Uniti la maglia della Fiorentina, sono fondamentali. Il bello della Fiorentina e in particolare di Firenze è che secondo me è la città più bella del mondo. Guarda quanti turisti ha. Ora dobbiamo rendere la squadra di calcio una delle attrazioni".