JACOBELLI A FV, Tutto ruota intorno a Chiesa

15.07.2019 16:30 di Alessio Del Lungo   Vedi letture
JACOBELLI A FV, Tutto ruota intorno a Chiesa

La Fiorentina si appresta ad entrare nel vivo del primo momento chiave della sua stagione ovvero la sessione estiva di calciomercato necessariamente fondamentale per una squadra che si è salvata all'ultima giornata e che il prossimo anno vuole puntare a posizioni ben più nobili di classifica. FirenzeViola.it per capire meglio le dinamiche che potrebbe assumere ha contattato in esclusiva il direttore di Tuttosport, Xavier Jacobelli

Che cosa si aspetta dal mercato della Fiorentina?
"Commisso si è appena insediato ed ha già messo mano in dirigenza, ma è logico che tutto passi dalla conferma della decisione relativa a Chiesa che è l'uomo a cui attorno ruota il progetto viola. Il nuovo proprietario è stato chiaro e apprezzabile fin dall'inizio avendo sempre detto che lui sarebbe rimasto almeno per un altro anno. In USA si incontreranno e ribadirà, credo, questa sua presa di posizione. Chiesa, come è ovvio che sia, vorrà ascoltare i progetti che ha il club e in base a quello decidere. Pradè ha comunque detto che deve prima cedere: per ora l'unica certezza è che si riparte da Montella".

La questione legata a Jordan Veretout come la gestirebbe?
"Quando un giocatore manifesta così evidentemente la sua volontà di andare via è difficile trattenerlo. Lui è un ottimo centrocampista, ma ritengo che la Fiorentina in caso di una sua cessione saprà trovare una valida alternativa. Leggo che sia la Roma che il Milan siano molto interessati al giocatore, vedremo la sua scelta che influirà molto. L'unico punto fermo da cui bisogna inevitabilmente ripartire è Chiesa".

Montella ha recentemente dichiarato che Vlahovic non potrà restare a fare la terza scelta. Punterebbe su di lui o darebbe fiducia a Simeone?
"Dipenderà molto da cosa vorrà fare la società sotto il punto di vista delle cessioni perché Simeone è un giocatore che comunque piace a qualche club ed ha un po' di mercato. Vlahovic ha dimostrato di avere talento ed è molto promettente, ma l'argentino, malgrado la giovane età, ha sicuramente più esperienza in un campionato come la Serie A. L'ultima parola spetterà a Pradè e agli uomini mercato dei viola".
 
Una punta dovrà arrivare comunque. Che tipo di attaccante devono attendersi i tifosi?
"Dipende tutto dalle capacità di spesa. I nomi che adesso animano il mercato sono quelli di Dzeko, Icardi, Higuain, ma sono assolutamente fuori portata per i viola. Si deve capire prima chi partirà e poi esaudire le richieste dell'allenatore ed anche di Chiesa che accetterà anche di rimanere, ma vorrà un minimo capire quali saranno i rinforzi. La Fiorentina dovrà trovare un equilibrio tra le necessità di bilancio e i colpi in entrata da fare per mantenere un equilibrio".

Xavier Jacobelli, crede che la tournée in America sia utile per la crescita dell'immagine del club?
"Penso sia evidente che la tournée sia collegata alla nuova proprietà che tiene molto a ciò. Si scontrano due correnti di pensiero perché c'è chi ritiene che lavorare in ritiro in altura sia più vantaggioso. Bisogna capire che il momento per i viola è particolare e comprendo a pieno le ragioni di Commisso che vuole anche promuovere l'immagine viola nel mondo. Montella ed i giocatori accetteranno questo sacrificio volentieri anche perché siamo all'alba di un nuovo corso. Ricordiamo tutti che ci doveva essere la Roma, poi la UEFA e la sentenza sul Milan hanno cambiato le carte in regola. Comunque sarà un'ottima occasione per valutare bene anche i calciatori stessi".