DRAGOWSKI SR A FV, NON SONO STUPITO. BVB? IN TESTA SOLO FIRENZE. LE PROSSIME GARE...

12.04.2021 16:32 di Andrea Giannattasio Twitter:    Vedi letture
DRAGOWSKI SR A FV, NON SONO STUPITO. BVB? IN TESTA SOLO FIRENZE. LE PROSSIME GARE...
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

A volte basta davvero poco per esaltare i riflessi di Bartlomiej Dragowski. È sufficiente che indossi una casacca nerazzurra o che - meglio ancora - ti chiami Atalanta per trasformare il portiere della Fiorentina nel migliore in campo, un po' come era accaduto nell'aprile 2019 quando con 17 parate contro i bergamaschi (ma con la maglia dell'Empoli) il polacco pareggiò un record tra i pali che in Serie A durava dal 2004/05. Purtroppo per Iachini le prodezze del numero 69 contro la formazione del “Gasp” ieri non sono servite per evitare il 14° ko in campionato ma se non altro sono bastate per confermare ancora una volta come il "Drago" sia ormai a tutti gli effetti uno dei migliori giocatori della stagione viola, a riprova del fatto che l’anno prossimo - quando verrà rivoluzionata la rosa - il classe ’97 dovrà essere uno dei punti fermi da cui ripartire. Firenzeviola.it ne ha parlato con il padre di Bart, Dariusz Dragowski, ex mediano roccioso dello Jagellonia (club dove si è formato suo figlio) e del Siarka Tarnobrzeg: “Non mi perdo mai una partita di Bartlomiej e anche ieri sono rimasto incollato al televisore per seguire la partita della Fiorentina. Peccato, poteva andare certamente meglio”.

Ogni volta che vede l’Atalanta, però, suo figlio si esalta.
“Non è la prima volta che gli vedo fare gare così. Ieri di certo i suoi riflessi sono stati esaltati perché i nerazzurri hanno avuto tante occasioni ma ritengo che la sua partita sia in linea con altre prestazioni. Secondo me più avrà l’opportunità di essere messo alla prova e più potrà migliorare”.

È sorpreso però di quanto stia risultato decisivo questa stagione Bart?
“No, affatto. Ripeto, non mi sono perso mai una sua partita e lo seguo molto bene. Per cui non sono stupito dal rendimento che sta avendo. In più posso testimoniare che lui lavora sempre duramente in allenamento e le partite di campionato sono solo lo specchio di quello che è il suo impegno in settimana”.

Lei è stato un grande giocatore e conosce bene il pallone a tutte le latitudini: crede che i viola rischino ancora la retrocessione?
“Piano con i complimenti, sono stato un calciatore mediocre (ride, ndr). Tornando ai viola penso che le prossime due partite contro Sassuolo e Verona saranno fondamentali. Da lì si capirà molto di come finirà la stagione della squadra”.

Il procuratore di Bart non ha mai nascosto dell’interesse del Borussia Dortumud per suo figlio: crede che queste voci possano distrarlo?
“Be’, penso che con la prova di ieri che tutti voi avete visto sia chiaro che lui ora pensi soltanto alla Fiorentina e a finire nel migliore dei modi questa difficile stagione. Non ha altri pensieri per la testa, in questo momento”.