BISOLI A FV: "DV9? NON INSEGUA LA FELICITÀ NEI SOLDI. MA BRAVO A DARE TUTTO. IL BOLOGNA..."

03.12.2021 19:30 di Luciana Magistrato   vedi letture
BISOLI A FV: "DV9? NON INSEGUA LA FELICITÀ NEI SOLDI. MA BRAVO A DARE TUTTO. IL BOLOGNA..."
FirenzeViola.it
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com

"Bologna-Fiorentina sarà una bella sfida tra due squadre che negli ultimi anni hanno sofferto un po' ma ora, per motivi diversi, si stanno prendendo delle soddisfazioni". A dirlo è il tecnico Pierpaolo Bisoli, ex allenatore rossoblù e secondo di Buso in viola. "Dopo stagioni tribolate la Fiorentina ha trovato un allenatore giovane e con idee chiare e moderne che sta ridando entusiasmo e risultati. Anche il Bologna non viene da belle stagioni e quest'anno ha puntato su un centravanti forte. Dopo qualche partita un po' così Mihajlovic è stato bravo a cambiare sistema di gioco e trovare la quadratura alla squadra. Chi è più da Europa? Si sono attrezzate tutte e due nei modi detti ma la Fiorentina forse la cerca da più anni ed è in tal senso avvantaggiata".

Quanto peserà per il Bologna l'assenza di Arnautovic che lei citava? "E' un punto di riferimento per carattere, esperienza, caratura internazionale...Un centravanti importante per il gioco del Bologna e un esempio per i più giovani. Credo pesi molto la sua assenza ma Mihajlovic ha trovato soprattutto un sistema di gioco che funziona. Sicuramente è una grande assenza, un po' come togliere Vlahovic a questa Fiorentina".

A proposito di Vlahovic, a gennaio se fosse la Fiorentina lo terrebbe per l'Europa? "Sì, la Fiorentina ci provava da qualche anno a tornare in Europa ed io a gennaio lascerei le cose come stanno. Poi a giugno torneranno a sedersi ad un tavolo e a decidere il da farsi. In passato con riferimento al serbo ho detto che ci vorrebbe più riconoscenza dei giocatori verso le società, per non metterle in difficoltà economicamente. Ma credo che Vlahovic la riconoscenza la stia mettendo comunque in campo, con le prestazioni e i gol, non mi sembra uno che voglia andare via. Tra l'altro per lui non è stato facile, quando si è saputo del non rinnovo, ed ha dimostrato carattere e personalità, oltre alle indubbie qualità tecniche. Se poi dovessi dare un consiglio, per la felicità non serve andare dietro ai soldi. Guarda Donnarumma o altri giocatori che se ne sono andati dall'Italia".

A gennaio si parla di un esterno per i viola; tra i nomi quello di Orsolini, lo vede da Fiorentina? "Sì, starebbe bene nel gioco di Italiano, è un esterno alto che gioca a piede invertito. E' anche giovane e di prospettiva, inoltre per ritagliarsi spazio, visto che non gioca molto, si è adattato anche a fare il quinto di centrocampo".

Le piace Italiano? "L'ho conosciuto quando allenavo a Padova, venne a seguire e mi ha colpito per le idee precise, il puntare sull'intensità, la voglia di lavorare e voler migliorare i singoli e rendere tutti i giocatori protagonisti, tutte cose in cui credo anche io. Ha saputo scegliere società che credono in lui, come lo Spezia e la Fiorentina, e che supportano le sue idee e lui sta meritando questa fiducia"