ARONICA A FV, FIRENZE PIAZZA GIUSTA PER GATTUSO. IACHINI SALVERÀ I VIOLA. CALLEJON...

30.03.2021 16:00 di Giulio Falciai   Vedi letture
ARONICA A FV, FIRENZE PIAZZA GIUSTA PER GATTUSO. IACHINI SALVERÀ I VIOLA. CALLEJON...
FirenzeViola.it
© foto di Alberto Fornasari

Il presente della panchina viola si chiama Beppe Iachini. Il tecnico ascolano, infatti, è tornato alla Fiorentina dopo le dimissioni di Cesare Prandelli. Il futuro, invece, può chiamarsi Gennaro Gattuso. Per approfondire le caratteristiche dei due allenatori la redazione di FirenzeViola.it ha contattato, in esclusiva, un calciatore che è stato allenato da entrambi a distanza di pochi mesi ai tempi di Palermo: Salvatore Aronica.

Come giudica fin qui la stagione viola?
“La Fiorentina era partita un po’ tentennate ad inizio anno, faticava a trovare un gioco. Con Prandelli si è visto un leggero miglioramento sul piano tattico. La squadra è riuscita anche a trovare qualche risultato importante, vedi la schiacciante vittoria a Torino contro la Juventus. Secondo me dovevano finire la stagione con Prandelli perché sono certo che con lui si sarebbero salvati tranquillamente”.

Iachini può essere la persona giusta per finire al meglio quest’anno?
“Beppe lo conosco bene ed è un allenatore abituato a salvarsi. Per raggiungere un obiettivo minimo come può essere quello della salvezza è perfetto. Lo considero un tecnico navigato e per non retrocedere va più che bene. Resta il fatto che non è un mister che produce bel gioco o spettacolo”.

Per il futuro si parla di Gattuso. Firenze può essere una destinazione ottimale per lui?
“Gattuso è un allenatore che in una piazza importante come Napoli è riuscito a contraddistinguersi. Il primo anno ha fatto bene ma quest’anno ha avuto tanti alti e bassi. Sono sicuro però che Firenze sia la piazza giusta per lui”.

Quanto la stupisce vedere Callejon così ai margini della rosa?
“Molto. Parliamo di un grandissimo calciatore. Mi aspettavo di più da lui sinceramente. Il modulo scelto dagli allenatori non lo ha aiutato e anzi lo ha penalizzato. Non è mai riuscito ad ambientarsi come si deve. Con il ritorno di Iachini non penso che le cose cambino, ormai la stagione è compromessa”.