FREY, Viola un giovane Chianti. I due portieri...

13.09.2021 20:05 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
Fonte: dall'inviato Andrea Giannattasio
FREY, Viola un giovane Chianti. I due portieri...

Sebastien Frey, ex portiere della Fiorentina, oggi ha presentato i suoi vini. Queste le sue parole ai media presenti tra cui FirenzeViola.it: "Col vino di Frey più che le donne viene la pancia, ma è tutta salute (ride, ndr). Volevo condividere questa passione con tutti voi. Ho cercato di fare una cosa bella e anche buona. Ho sempre gustato con piacere una buona bottiglia e in Toscana siamo messi molto bene, grazie a Fabio Cordella ho partecipato al progetto "Wine of the Champions". C'è un tocco francese in ogni mia bottiglia".

Se la Fiorentina fosse un vino?
"Un buon Chianti molto giovane, che deve maturare ma che tra un paio d'anni si potrà bere e paragonare ad un buon Chianti toscano".

La vittoria con l'Atalanta?
"Non mi ha stupito, però battere l'Atalanta in casa loro è una bella vittoria. Avevo già visto segnali positivi contro la Roma, ora siamo a tre partite e due vittorie. Si comincia a vedere il lavoro di Italiano: se la squadra la segue e il numero 9 cresce ancora potremo vedere grandi cose".

Chi gli ricorda Vlahovic?
"Non si può paragonare a giocatori con cui ho giocato perché ha caratteristiche diverse ed è ancora presto per definirlo un campione. Ma mi ricorda un po' Ibrahimovic nel modo in cui si muove. Non nascondo che mi sta stupendo perché non pensavo fosse già a questo livello. Quest'anno a Firenze, con la Fiorentina, deve dimostrare a che punto è arrivato".

Le prestazioni di Terracciano?
"Ho un bel rapporto con Terra, doveva essere qui anche stasera e volevo fargli i complimenti: la Fiorentina ha il privilegio di avere due buoni portieri. C'è una gerarchia e penso che Dragowski abbia fatto molto bene, poi c'è un allenatore che farà le sue scelte. Ma avere due portieri così è un grosso vantaggio. Ci deve sempre essere un titolare e penso che sia Dragowski ad oggi. E c'è una riserva di lusso che è Terracciano".

I meriti di Italiano?
"E' ancora presto per dirlo. Si è creato un piccolo distacco tra l'attuale società e gli ex giocatori e questo mi dispiace, noi facciamo un passo indietro e tifiamo. Quindi è difficile capire perché vediamo da fuori. Italiano sta lavorando bene e si vede, così come il fatto che i giocatori lo seguano. Se va avanti così mi aspetto grandi cose".