SALVEZZA, Ecco perché a 41 pti non è matematica

13.05.2019 00:00 di Iacopo Barlotti Twitter:    Vedi letture
SALVEZZA, Ecco perché a 41 pti non è matematica

La premessa è che siamo nel campo delle ipotesi più remote, quasi della fantascienza. Ma quando ieri pomeriggio, con tutti i condizionali del caso, FirenzeViola.it ha evidenziato che neanche un pareggio a Parma potrebbe garantire ai viola la salvezza aritmetica, in molti sui social hanno storto il naso.
Eppure, per verificare la certezza matematica di una affermazione, non devono esistere casi che la contraddicono. Ed è per questo che – ad oggi – non è possibile affermare che pareggiando a Parma la Fiorentina conquisterebbe la matematica salvezza. Questo perché - anche se in vantaggio negli scontri diretti con l'Empoli - la Fiorentina potrebbe trovarsi a 41 punti non solo assieme agli azzurri, ma anche assieme ad altre due o più squadre. E allora si guarderebbe la classifica avulsa fra tutte le squadre coinvolte per determinare le posizioni di classifica.

E fra le numerose combinazioni ancora possibili, ve n'è (almeno) una che vedrebbe la Fiorentina a quota 41 punti e retrocessa in serie B. È il caso di uno scenario col Genoa salvo a quota 42 punti e sei squadre al terz'ultimo posto a quota 41 punti: Empoli (deve vincerle entrambe), Cagliari (un ko e un pareggio con l'Udinese), Bologna (pareggio stasera col Parma, 1 vittoria, 1 sconfitta), Udinese (una vittoria e un pareggio col Cagliari), Parma (tre pareggi nelle ultime tre gare), Fiorentina (pareggio a Parma e sconfitta col Genoa).
Ebbene, in questo caso la classifica avulsa reciterebbe così: Parma 17 punti, Empoli 14 punti, Bologna 13 punti, Udinese 12 punti, Cagliari 12 punti, Fiorentina 11 punti. I viola sarebbero dunque terz'ultimi e farebbero compagnia a Frosinone e Chievo in serie B.

Naturalmente si tratta solo di una eventualità remota e complessa – che prevede, tanto per cominciare, il pareggio fra Bologna e Parma nel posticipo di stasera, oltre al bottino pieno di Genoa ed Empoli nelle ultime due partite – ma l'esistenza di un controesempio impedisce - ad ora - di affermare che pareggiando a Parma la Fiorentina avrebbe la certezza matematica della salvezza.