LINEE GUIDA

12.06.2021 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    vedi letture
LINEE GUIDA
FirenzeViola.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Partito ufficialmente l’Europeo con la gara d’esordio degli azzurri di Mancini il calciomercato resta sullo sfondo, con annessi e connessi. In attesa che sia il Portogallo a scendere in campo, domani sera, la Fiorentina è spettatrice interessata della situazione riguardante Sergio Oliveira, anche se la fumata bianca da ieri pare un filo più complicata. Se in Portogallo è diffusa l’idea di un accordo vicino ai 20 milioni, con ingaggio da oltre 3, in casa viola i conti sono diversi, e le distanze tutt’altro che risicate. La trattativa procederà, ma ancora ieri la Fiorentina ribadiva diverse valutazioni economiche sul centrocampista del Porto.

Per il resto è soprattutto sulle ali che le fantasie del club si stanno ampliando, segno inequivocabile di come le linee guida indicate da Gattuso stiano già sortendo i primi frutti. D’altronde se 4231 sarà la schiera di esterni dovrà essere ricca e di spessore, a prescindere dal ritorno di Sottil, dal rilancio di Kokorin o dalle scelte che riguarderanno Callejon e Ribery. Che si tratti di arrivare nel giro di poco al portoghese del Valencia Guedes o all’argentino dello Stoccarda Gonzalez, con profili alternativi quali Orsolini, Politano e Brekalo, è soprattutto la qualità tecnica sulle fasce che la Fiorentina ricerca, individuando l’uomo in grado di creare superiorità e servire Vlahovic.

Di certo, nel caso dell’argentino dello Stoccarda, il collegamento con il probabile arrivo di Burdisso sarebbe immediato, e chiuderebbe il cerchio anche sullo staff che proseguirà nelle trattative delle prossime settimane. Le idee comunque non si fermano al mercato estero, in Italia Politano (pur con tutte le difficoltà del caso) rimane una sorta di sogno nel cassetto, ma più in generale scambi o prestiti nei giorni più caldi dei prossimi affari potrebbero disegnare scenari oggi imprevedibili. Anche per questo sarà fondamentale Moena, almeno per Gattuso per capire chi e come potrà tornare utile nella prossima stagione, seppure di questi tempi la vetrina europea possa fornire da un momento all’altro nuove idee da approfondire perchè in linea con il credo del tecnico.