KOUAME E DUNCAN FINISCONO CON IL GOL. PULGAR TORNA CECCHINO. MALE VLAHOVIC

02.08.2020 19:59 di Pietro Lazzerini Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
KOUAME E DUNCAN FINISCONO CON IL GOL. PULGAR TORNA CECCHINO. MALE VLAHOVIC

TERRACCIANO - Nel primo tempo Fares gli fa salire un brivido lungo la schiena quando colpisce la traversa con un bel tiro da fuori. Nulla può sul gol di D'Alessandro. Nella ripresa si vede solo per un'uscita con i pugni, 6. 

MILENKOVIC - Conclude la stagione con l'ennesima prestazione di livello. Sbaglia solo quando cala un po' l'attenzione ma succede decisamente di rado. Tra averlo e non averlo, c'è una bella differenza, 7.

CECCHERINI - Occasione al posto di capitan Pezzella. Nell'azione del gol di D'Alessandro si fa cogliere in difficoltà sulla palla persa di Lirola, ma con colpa decisamente minore rispetto al compagno. Secondo tempo in pieno controllo, 6.

IGOR - Ordinato e preciso, ha anche un buon piede per far ripartire l'azione. Sicuramente è un centrale che farà comodo anche in vista della prossima stagione, 6,5.

VENUTI - Si vede che vuole mettersi in mostra. Non sarà un campione ma ci mette corsa e determinazione e in alcuni frangenti anche una buona dose di coraggio. Se ogni tanto non anticipasse i tempi di passaggi o cross, il voto della sua prestazione sarebbe decisamente superiore. 6 (Dal 65' SOTTIL - Ha voglia di far vedere che può restare in questa rosa e mette in pratica un paio di serpentine interessanti. Peccato l'imprecisione quando si entra negli ultimi metri di campo, 6). 

PULGAR - In mediana difficilmente sbaglia passaggio. A due sembra trovarsi meglio rispetto alla linea dove deve fare da regista. Il lavoro sporco certe volte gli fa piovere addosso qualche critica di troppo perché non è appariscente ma conclude la stagione in crescendo. Chiude con l'ennesimo assist su calcio da fermo e con il settimo gol stagionale su rigore, 7.

DUNCAN - Primo gol in viola, secondo stagionale sempre alla SPAL. Al di là della rete che dà fiducia, accanto a Pulgar sembra trovarsi decisamente bene. Prova il tiro da fuori a più riprese ma è preciso solo sull'assist di Chiesa. Anche nel secondo tempo è uno dei più positivi anche per il lavoro sporco, 7. (Dal 95' DALLE MURA - S.V.). 

LIROLA - Non pare motivatissimo in questa partita che chiude la stagione. Spesso sale in ritardo per dare una mano in fase offensiva e soprattutto sbaglia quando perde il pallone sanguinoso che porta al gol dell'1-1 di D'Alessandro. Prova a scappare sulla destra nella ripresa ma è sempre troppo impreciso, 5. 

AGUDELO - Prima partita da titolare per il colombiano che cerca in tutti i modi di mettersi in mostra, risultando anche un po' troppo egoista in un paio d'occasioni. In due occasioni va vicino al gol con il suo mancino da fuori, ma la poca precisione non gli ha permesso di togliersi la soddisfazione della rete. 6 (Dal 55' KOUAME - All'ultima occasione utile segna la prima rete in maglia viola che è un'ottima notizia in vista della prossima stagione. Gol meritato per il modo in cui si è calato nella realtà viola dopo un gravissimo infortunio, 6,5).

CHIESA - La fascia da capitano alla 150esima presenza è un giusto regalo che Iachini gli concede. C'è da chiedersi se non possa valere anche come regalo d'addio ma intanto ci mettere più determinazione rispetto a diverse altre occasioni. Bello l'assist per Duncan. Quando viene spostato in fascia si perde un po', 6,5. (Dal 94' TERZIC - S.V.).

VLAHOVIC - Sembra faticare fin da subito nel trovare la giusta posizione. Non si capisce bene con Chiesa e pare meno deciso del solito quando c'è da puntare la porta. Sono diverse le conclusioni, sempre imprecise. Esce arrabbiato ma la prestazione è stata decisamente insufficiente. 5 (Dal 65' CUTRONE - Spreca una grande occasione su splendido assist di Pulgar. Si batte come sempre ma sotto porta non è abbastanza freddo, 5,5).

IACHINI - Chiude con un'altra vittoria e col decimo posto. La Fiorentina lo ha chiamato per risolvere i problemi e lui come mister Wolf si è messo a disposizione guadagnando la riconferma. La partita di stasera vale come un'amichevole estiva in vista della prossima stagione ma vincere è sempre bello e utile. Arrivederci a dopo Ferragosto mister, 7.