IL PRIMO SCOSSONE

05.05.2021 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
IL PRIMO SCOSSONE
FirenzeViola.it
© foto di Imago/Image Sport

Non se l’aspettava nessuno il colpo di scena arrivato ieri dalla Capitale. E d’altronde non tanto per la distanza dalla Superlega ma più per l’esposizione debitoria non risultava esattamente semplice immaginare grandi colpi da parte della Roma americana, tanto di più dinanzi a un silenzio che la nuova proprietà Friedkin non ha mai interrotto. L’ingaggio di Mourinho da parte dei giallorossi, nel giorno in cui arriva pure l’addio a Fonseca, segna certamente un passo importante per una proprietà nuova, e anche un chiaro segnale a tutto il calcio italiano.

Al di là di come tornerà lo Special One in Serie A è chiaro che la notizia ha avuto enorme risalto, tanto più in quelle piazze dove ancora regna una certa foschia sull’immediato futuro. Firenze non può far eccezione e se la squadra deve ancora concludere la propria mission sul campo, la società lavora sotto traccia già da tempo. Le novità degli ultimi giorni, come i contatti con Gattuso o De Zerbi fino al ritorno di fiamma per Juric, raccontano di una Fiorentina non del tutto convinta (nemmeno sul piano di una rivoluzione integrale di rosa o dirigenza) ma è chiaro che in uno scenario del genere tutti coloro che avevano visto nella Roma la logica destinazione di Sarri sono tornati a sperare.

In tal senso andrà ricordato come il corteggiamento del tecnico toscano fosse stato già avviato in tempi non sospetti, prima a ridosso del cambio in panchina Iachini-Prandelli, poi anche più avanti nonostante tutte le smentite del caso. Una fase interlocutoria rimasta tale e poi divenuta persino sospesa proprio alla luce di quelle voci giallorosse che vedevano in Sarri il nuovo allenatore dei Friedkin. Oggi che gli americani giallorossi si sfilano dalla corsa a uno dei tecnici più ricercati d’Europa è plausibile che qualche tifoso torni a sognarlo vestito di viola, ma tutto dipenderà da Commisso.

Intanto il valzer delle panchine è ufficialmente partito con l’annuncio - rumoroso - della Roma, la Fiorentina per ora aspetta la salvezza poi tutti si augurano possa programmare il prossimo anno riaccendendo lo stesso entusiasmo di cui sono stati capaci i colleghi giallorossi.