IL FUTURO È GIÀ QUA

08.08.2020 11:00 di Giacomo A. Galassi Twitter:    Vedi letture
IL FUTURO È GIÀ QUA

C'è un motivo se il mercato della Fiorentina quest'estate si concentrerà solo su pochi colpi ma di qualità, ed è il lavoro che hanno portato avanti Pradè e Barone fin dal loro arrivo la scorsa estate. La maggior parte degli acquisti fatti in questi 400 giorni di attività sono stati rivolti ad unico obiettivo: avere una rosa competitiva per il 2020/21.

Amrabat, Kouamé, Igor, Agudelo, Sottil, Castrovilli (ma anche i rientranti dal prestito Montiel e Ranieri, anche se quest'ultimo ha cominciato a mettere dubbi sulla sua permanenza): tutti giocatori che la scorsa stagione l'hanno vissuta come una sorta di incubazione e apprendimento per quella che sarà la prossima. Ecco perché la Fiorentina può permettersi di non avere fretta di mettere a segno i propri colpi di mercato. La squadra c'è già e c'è bisogno solo di ritoccarla, con una media età che attualmente è di 24,9 anni e i soli Terracciano, Caceres, Boateng e Ribery che hanno più di 30 anni.

La pazienza di Firenze però sta cominciando a scricchiolare, già dopo un anno nel quale - pur partendo da una situazione piuttosto complicata dopo il passaggio di proprietà - le aspettative della città si erano fatte a metà campionato alte. La stagione 2020/21 si prospetta con molte meno scuse per dirigenza e giocatori, che a questo punto dovrebbero aver fatto arrivare quasi a maturazione quantomeno il progetto sportivo.

Starà a Iachini fare in modo che i talenti della Fiorentina riescano ad esprimere il loro meglio. Sempre che il calciomercato non stravolga tutto ancora una volta.