LAUDRUP, A Firenze ho vissuto scene spaventose

01.12.2020 12:45 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
LAUDRUP, A Firenze ho vissuto scene spaventose
FirenzeViola.it

Brian Laudrup, giocatore della Fiorentina nel '92-'93, ha parlato al Daily Mail di ciò che ha vissuto quando vestiva la maglia viola con le tante proteste dei tifosi: "In Italia ho visto cose spaventose. Quando le aspettative vengono disattese purtroppo sono cose che accadono. Nell'arco di quattro mesi tutto si è sovvertito e la rabbia era enorme. La Fiorentina ha vinto solo due scudetti, ma nell'estate del 1992, il proprietario, Cecchi Gori, disse a tutti che era ora di diventare i re della Serie A. La gente vive tutto con passione a Firenze. C'era Batistuta, io ed Effenberg arrivammo dal Bayern Monaco... Le aspettative erano alle stelle anche se i viola non erano campioni dal '69. Eravamo secondi in campionato il 2 gennaio quando giocammo contro l'Atalanta. Abbiamo perso 1-0 e il figlio del proprietario è entrato nello spogliatoio e ha licenziato il tecnico davanti alla squadra. È diventato un disastro. Avevamo un altro allenatore, poi un altro, poi un altro. Ricordo di essere tornato da una trasferta e di capire abbastanza l'italiano per rendermi conto che i giocatori più anziani esprimevano preoccupazione per quello che poteva accadere nel nostro stadio. All'inizio sembrava tranquillo, ma all'improvviso centinaia di persone sono emerse da macchine, bar e strade laterali, urlando contro di noi e lanciando cose contro l'autobus. La polizia ha dovuto trascinare Effenberg in una delle loro auto per assicurarsi che fosse al sicuro. Essere un calciatore non dovrebbe essere così. Non c'era più divertimento. Una fazione degli Ultras irriducibili della Fiorentina sarebbe stata all'hotel della squadra e dovevamo sederci e ascoltare cosa ci avrebbero detto sull'onore della maglia. C'era un po' di minaccia nelle loro parole. Tutto è precipitato alla fine della stagione. Siamo passati dal 2° al 15° posto e siamo retrocessi. Incredibile, davvero. C'era un parcheggio sotterraneo allo stadio e cominciarono a circolare voci secondo cui i fan stavano aspettando che sarebbero uscite le auto. Il consiglio era di salire sul pulmino della squadra e di essere portato fuori Firenze, dove saresti potuto essere preso da tua moglie, fidanzata o chiunque altro. Ho scelto di prendere la mia macchina. Mio padre mi ha detto che avrebbe guidato e che io sarei potuto entrare nel bagagliaio. Sono salito e siamo usciti. C'erano scene davvero frenetiche: persone con mazze da baseball, macchine in fiamme, polizia in tenuta antisommossa. Spaventoso. Siamo tornati a casa e ho lasciato il club dopo".