FREITAS, Chiesa è merito di Sousa. Ilicic e Berna...

03.06.2020 14:15 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
FREITAS, Chiesa è merito di Sousa. Ilicic e Berna...

L'ex ds della Fiorentina Carlos Freitas ha rilasciato una lunga intervista al portale Cronache di Spogliatoio nella quale ha parlato anche degli anni a Firenze, a cominciare da Ilicic: "Ricordo di una partita a Empoli. La Fiorentina vinse 4-0, Josip fece doppietta in una gara strepitosa. Faccio un paragone tra lui e Mati Fernandez. Sono giocatori che hanno bisogno di essere importanti, coccolati. Due giocatori di assoluto talento che hanno bisogno di non sentirsi uno in più, ma neanche quelli attorno a cui la squadra gira intorno. Un altro esempio è James Rodriguez: ha bisogno di essere figura importante, poi la qualità deve tirarla fuori. Merito a Ilicic che si è messo in gioco andando a Bergamo, chapeau a Gasperini per fargli tirare fuori tutto, così come con Gomez. Ricordo che trovai il Papu nel 2012/2013 in Europa Leauge quando giocava al Metalist in Ucraina, era un ottimo giocatore".

Su Chiesa invece racconta: "In Primavera non era titolare, ma quando sono arrivato a giugno 2016 era già stato deciso che dovesse restare in rosa. La scelta fu di Paulo Sousa, ha il merito di averne riconosciuto le qualità. Lo fece esordire contro la Juventus in una posizione leggermente più centrale rispetto a quella d’esterno che lo ha successivamente caratterizzato. E Federico ha fatto tutto per meritarsi la fiducia. Ricordo anche la scelta di Gaetano Castrovilli: un’intuizione di Pantaleo Corvino, una sua scommessa personale".

Infine una considerazione su Bernardeschi: "Federico è un ragazzo eccezionale, calcisticamente gli riconosco una qualità tremenda per giocare ad alti livelli. La Grecia si identifica per alcune cose, e così anche l’Italia: un giocatore di 24 o 25 anni non viene considerato ancora esperto, non è maturato. In altri paesi a 22 o 23 anni puoi avere più di una esperienza. Se Bernardeschi avesse 10 partite di fila metterebbe tutto quello che ha. Non è facile farle nella Juventus, ma ha qualità individuali indiscusse. In certi momenti Ferguson ha messo Beckham in panchina: così fece Sousa con Bernardeschi, se un allenatore ti fa riposare vuole aprirti gli occhi. Non è una punizione, fa parte della traiettoria di tutti i professionisti".