VLAHOVIC-LASAGNA, Due finalizzatori agli antipodi

20.04.2021 16:52 di Alessandro Di Nardo   Vedi letture
VLAHOVIC-LASAGNA, Due finalizzatori agli antipodi

Chiamatelo killer instict, cinismo, freddezza: quella che permette di rimaner lucido nel momento decisivo è sempre stata una delle qualità più importanti per un attaccante. Spesso la difficoltà di rendere concreta e spiegare questa qualità ha fatto pensare che questa fosse una dotazione innata per un calciatore. Invece, come ci dimostrano i numeri di due attaccanti che stasera saranno protagonisti in Verona-Fiorentina, l’abilità sotto porta può essere affinata o addirittura smarrita per un periodo: questi i concetti emersi dal confronto tra i dati di Dusan Vlahovic e Kevin Lasagna, due attaccanti dalle diverse caratteristiche e dalla diametralmente opposta resa in questa stagione come dimostrano i loro numeri di expected goals.

Gli expected goals (xg) sono una statistica avanzata che rappresenta appunto il numero di gol attesi da una determinata squadra o da un giocatore. Brevemente, questo dato si ottiene attribuendo ad ogni conclusione una probabilità di successo a seconda della zona del campo, della posizione del tiratore e del tipo di passaggio da cui nasce; più una conclusione è facile, più l’xg sarà quindi alto (l’xg massimo è di 1, quello di un calcio di rigore è 0,76). L’analisi di questa statistica permette di fare previsioni a lungo termine sul rendimento di giocatori e squadre ed è uno dei dati centrali da cui ogni match-analyst parte.

Dusan Vlahovic, 15 gol stagionali, è uno dei giocatori che ha più migliorato questa statistica negli ultimi mesi: a inizio febbraio il serbo era infatti, insieme a Zapata, l’unico calciatore ad essere in negativo in rapporto tra reti realizzate e reti attese (8 centri stagionali a fronte dei 10 attesi). Errori di imprecisione o semplice sfortuna, fatto sta che da allora il 9 viola ha spiccato il volo: 6 gol nelle ultime 5 partite ed un dato di sugli xg che si è capovolto (14 gol attesi a fronte dei 15 realizzati). Dall’altra parte, stasera, il serbo si troverà di fronte il calciatore che nell’ultimo periodo più ha litigato con questo dato: Kevin Lasagna è infatti l’attaccante con il saldo tra gol attesi e gol realizzati peggiore di tutti; 4 gol realizzati, 2 da quando a gennaio è passato al Verona, a fronte degli 11 che ci dovevamo aspettare, numeri che testimoniano la mancanza di lucidità dell’ex-Udinese sotto porta. L'attaccante gialloblù rappresenta comunque un'arma temibile per la sua velocità disarmante (nell'ultima gara con la Samp ha toccato i 33,98 km/h in sprint) ma poco preciso al momento della conclusione. Vlahovic di contro non possiede lo strappo in progressione del collega ma in compenso al momento decisivo si fa trovare più pronto; il duello di stasera vedrà quindi di fronte due attaccanti diversi ed in un differente periodo di forma, augurandoci che, soprattutto stasera, il rendimento dei due continui a rimanere tale.