VERSO CAGLIARI, Numeri della partita di domani

11.05.2021 21:40 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
Fonte: a cura di A. Di Nardo
VERSO CAGLIARI, Numeri della partita di domani
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

Alla vigilia del match della Sardegna Arena, analizziamo la sfida tra Cagliari e Fiorentina tramite precedenti e statistiche delle due squadre:

PRECEDENTI: La Fiorentina non vince a Cagliari dalla stagione 2017/18: l’ultima vittoria viola in terra sarda è firmata Babacar. In generale, i precedenti sull’isola vedono in vantaggio i padroni di casa: 18 vittorie per i cagliaritani, 15 pareggi e 6 successi viola. Nelle ultime due sfide la Fiorentina ha mantenuto la porta inviolata (0-0 nella partita di ritorno dello scorso campionato, vittoria per 1-0 all’andata firmata Vlahovic); non arriva a 3 clean sheet consecutivi contro i sardi dal 2007.

NUMERI VIOLA: La Fiorentina si presenta alla penultima trasferta del campionato con al tredicesimo posto a quota 38 punti, con un margine di +7 dal terzultimo posto occupato dal Benevento e reduce da 4 risultati utili consecutivi. Nella convincente vittoria di sabato contro la Lazio i viola sono riusciti a non subire gol per la prima volta dopo 11 gare; in trasferta la squadra di Iachini subisce però reti da 10 gare consecutive, peggio solo nella stagione 2010, quando allora furono 13 le partite consecutive in trasferta con almeno una rete incassata. L’ottimo momento dei viola coincide con la continua crescita di Dusan Vlahovic, che con la doppietta contro la Lazio è arrivato a quota 21 reti in campionato (17 nel 2021, nell’ultimo mese e mezzo nessuno nei top  5 campionati europei ha fatto meglio). Il serbo torna a Cagliari, dove nel novembre 2019 siglò i suoi primi due gol in Serie A, una doppietta inutile in una sconfitta pesante per la squadra allora allenata da Montella (i sardi si imposero per 5-2). Un altro giocatore parso rilanciato nell’ultima partita è Cristiano Biraghi, che sabato sera ha fornito proprio a Vlahovic il suo 7° assist in campionato: negli ultimi 3 anni l’esterno sinistro viola è il difensore con più passaggi vincenti a referto, ben 25.

L’AVVERSARIO: Il Cagliari che la Fiorentina si trova di fronte è tutta un’altra squadra rispetto a quella affrontata un girone fa: il cambio allenatore ha stravolto gli orizzonti dei sardi, che un mese fa avevano un piede e mezzo in B ed adesso sono a +4 dal Benevento. Con Semplici, soprattutto nell’ultimo mese e mezzo, la squadra sarda ha cambiato passo: 4 vittorie ed 1 pareggio nelle ultime 5, tanti successi quanti nelle precedenti 26 di campionato, da aprile ad oggi solo il Sassuolo ha fatto meglio dei rossoblù in A. Semplici ha reimpostato la squadra su un 3-5-2 che si trasforma in 4-3-3 in fase di non possesso e che sfrutta la capacità di inserimento di centrocampisti di qualità e quantità come Nandez, Naingollan e Marin, protetti  da uno schermo davanti alla difesa (nelle ultime settimane Deiola piuttosto che Duncan). A sinistra Lykogiannis può sfruttare la sua corsa ed un mancino temibile sia che si tratti di crossare che di concludere in porta (chiedere a Montipò del Benevento). Il duo offensivo protagonista di questa risalita è composto da Joao Pedro che, con 16 gol in campionato, è anche per quest’anno il brasiliano più prolifico in Europa e Pavoletti: proprio l’attaccante ex-Genoa e Napoli si prospetta essere un cliente scomodo per Milenkovic &co., visto che Pavoletti ha nel colpo di testa la sua specialità (3 gol su 4 segnati in elevazione) e che la Fiorentina è una delle squadre che subisce più reti di testa, addirittura 12 su 57.

EX DI TURNO: Partita speciale per due cagliaritani ancora viola: si tratta di Alfred Duncan e Riccardo Sottil, di proprietà della Fiorentina ma in prestito al Cagliari; se difficilmente il secondo sarà protagonista domani (Sottil è assente dalla gara d’andata per via di un infortunio alla coscia), possibile spazio, magari a partita in corso, per il centrocampista ghanese. Un’altra vecchia conoscenza della Fiorentina, Giovanni Simeone (74 partite e 20 gol in viola dal 2017 al 2019), dovrebbe partire dalla panchina.