ULTIMO APPELLO

18.04.2012 19:00 di  Pietro Lazzerini   vedi letture
ULTIMO APPELLO
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

La partita contro l'Inter, oltre a segnare un importante crocevia nel finale della stagione viola, potrebbe coincidere con il rientro in campo di Alessio Cerci.
L'ultima sua apparizione è stata durante la partita che ha scritto la pagina più nera della Fiorentina degli ultimi anni. Con il suo calcetto a De Ceglie, che favorì la passeggiata della Juventus nella manita più umiliante che la squadra viola abbia mai ricevuto nel proprio stadio.
Delio Rossi sta pensando all'ex giallorosso come possibile sostituto di Amauri, assente per squalifica. Un ritorno di fuoco per l'esterno gigliato, un'altra sfida di cartello per provare l'ennesimo rilancio dopo il grave errore durante l'ultima apparizione casalinga. Probabilmente i tifosi viola non saranno più disposti a dargli un'altra possibilità, visto che dopo aver sopportato prestazioni altalenanti e comportamenti discutibili, il più grande dei tradimenti sportivi è arrivato proprio nel momento di maggiore significato per coloro che sostengono la maglia viola. Discorso diverso quello che farà il tecnico, che seppur rimasto scottato dal gesto contro i bianconeri, sarà costretto a ripescare chiunque pur di portare in fondo qeusta agognata salvezza
Per sostituire Amauri le opportunità sono due, schierare il fragile Ljajic oppure tornare a puntare sul genio e la sregolatezza di Alessio Cerci. La sua vena realizzativa potrebbe fare comodissimo in un attacco che ultimamente non riesce a segnare, specialmente quando gioca in casa. 
Pensando al futuro, il giocatore con ogni probabilità lascerà la maglia viola durante la prossima sessione di mercato.

Questo non vuol certo dire che non potrà essere importante per questo ultimo scampolo di campionato. Rossi ha sempre fatto intendere che a lui del mercato non importa niente, e che quindi tutti sono papabili per ricoprire un ruolo da titolare. La situazione di Montolivo e Natali insegnano.  
In questo momento l'unica cosa fondamentale è portare a casa quei punti che servono per conquistare la salvezza, con quali giocatori non conta, purchè l'obiettivo venga raggiunto nel minor tempo possibile.