STADIO FRANCHI, COMMISSIONE RIUNITA FINO A MERCOLEDÌ, POI IL PRIMO VERDETTO

11.10.2021 19:28 di Luciana Magistrato   vedi letture
STADIO FRANCHI, COMMISSIONE RIUNITA FINO A MERCOLEDÌ, POI IL PRIMO VERDETTO
FirenzeViola.it

La strada è sempre molto lunga, ma si avvicina un momento topico per il concorso internazionale di ristrutturazione dello stadio Franchi. La commissione giudicatrice che dovrà stabilire il miglior progetto per il concorso internazionale di progettazione per la riqualificazione dello stadio di Pier Luigi Nervi e dell’area di Campo di Marte, in questi giorni è infatti riunita a Firenze, al complesso di Santa Maria Novella, per la prima scrematura dei progetti: dai 31 presentati - segnale di una grande attenzione internazionale verso il progetto - diventeranno otto. E manca ormai poco alla "proclamazione" visto che la commissione presieduta dall'architetto e urbanista Odile Decq resterà riunita fino a mercoledì quando poi darà i suoi verdetti.

Chissà se tra gli otto prescelti (i progetti sono in forma anonima) ci saranno studi di Firenze e italiani o archistar stranieri. Di sicuro saranno di fama internazionale e dovranno ridisegnae l'area di Campo di Marte, oltre allo stadio del quale dovranno mantenere curve, scale elicoidali e tribune. La corsa è anche ghiotta: al vincitore andrà un premio di 1,2 milioni di euro, oltre alla possibilità di mettere iniziare un progetto di svariati milioni, mentre agli altri 7 progetti selezionati andranno 58.500 euro.

Il percorso prevede poi ulteriori step per presentare ulteriore documentazione e chiedere chiarimenti: il 31 ottobre scade il termine per presentare altra documentazione; il 5 dicembre il termine per la richiesta di chiarimenti; il 15 dicembre quello per la pubblicazione delle risposte ai quesiti; il 31 gennaio 2022 è fissato il termine ultimo per la ricezione dei progetti preliminari. La proclamazione del vincitore sarà fatta a marzo. I cantieri, anche perché l'opera è finanziata in parte con il Recovery Fund, dovranno partire entro il 2023 e finire entro l’inizio del 2026.