NON FATE DISAMORARE ROCCO. PICCOLI GRANDI SEGNALI PER IL FUTURO

13.02.2020 00:00 di Sonia Anichini   Vedi letture
NON FATE DISAMORARE ROCCO. PICCOLI GRANDI SEGNALI PER IL FUTURO

Non si può certo dire che questo periodo sorrida alla Fiorentina. Da una parte i risultati ci stanno di nuovo preoccupando e la classifica è bruttina, nelle ultime tre partite abbiamo fatto solo un punto col Genoa al Franchi ed anche il gioco è tornato ad essere sterile come la difficoltà della Viola di andare in gol. Le assenze o la condizione non eccellente di qualche calciatore hanno la loro influenza e confido nella parte finale del campionato, che mi auguro sia tranquilla per il piazzamento della nostra squadra, per vedere cosa potranno dare i rientri di Ribery e Kouame. Intanto aspetto Duncan a rinforzare e ravvivare il nostro centrocampo già da domenica a Genova, per quello che è uno scontro diretto con la Sampdoria che ci sta alle spalle con soli due punti di distacco.

Se, come asserisce Iachini, la Fiorentina è più serena quando gioca fuori casa, mi aspetto una prova maiuscola. Mi aspetto di rivedere qualcosa di simile alla gara di Napoli ma soprattutto il risultato. Pare banale e scontato ma purtroppo non è così e i blucerchiati sabato scorso hanno vinto a Torino contro i granata. Penso però che non si debba avere paura di nessuno e fare la nostra gara mettendo in campo un po’ della grinta e della motivazione che il Mister saprà instillare nei ragazzi perché non è ammesso sbagliare oltre.

Un altro motivo di preoccupazione è legato al nuovo stadio e al comunicato della società al riguardo. Non entro nel merito politico della questione, ma l’amarezza che trapela è un po’ quella di tutti coloro che ambiscono a seguire la squadra in una struttura degna dei nostri tempi. Il prezzo del terreno non lo stabilisce il sindaco e ci sono leggi da rispettare, ci mancherebbe altro, ma Rocco deve aver capito che le spese sono e saranno ben altre, che i tempi saranno infiniti e che il modus operandi americano non è attuabile dalle nostre parti. Se entro il 2021 il nuovo centro sportivo sarà aperto, per il nuovo stadio dubito fortemente che si arriverà a vederlo. Sono però molto arrabbiata con il sistema, con il mondo, fate voi, perché ritengo assurdo che chi vuole investire e fare del bene per la nostra città e la nostra squadra, trovi paletti insormontabili e una burocrazia pachidermica. Spero solo che tutto questo non faccia allontanare Commisso dalla Fiorentina, che lo faccia disamorare, perché sarebbe imperdonabile.

Unica nota che ci ha riempito gli occhi, ma soprattutto il cuore, è stata l’istituzione del Welcome Baby Pack ovvero il kit viola per tutti i nuovi nati a Firenze da questo anno. L’iniziativa era stata annunciata qualche tempo fa e ora ha preso il via come un piccolo, grande segnale per il futuro. Ritengo che i tifosi viola che vivono fuori dalla città potrebbero avere da ridire, e mi auguro che questo dono venga esteso a chiunque ne faccia richiesta, perché seminare il gene viola nei neonati è un dovere e crescerli con addosso il nostro colore è la speranza di tutti noi genitori e nonni. Purtroppo negli ultimi anni abbiamo perso appeal nelle nuove generazioni, i Ronaldo o quelli che vincono sempre la fanno da padroni, ma la nostra identità va rimarcata e tramandata con fierezza. “…è l’orgoglio mio più grande, quello di esser fiorentino…”

La Signora in viola