LE PAGELLE, Prodigio Montiel, sorpresa Eysseric

25.11.2020 20:02 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
LE PAGELLE, Prodigio Montiel, sorpresa Eysseric
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

TERRACCIANO - Il primo tentativo di Deulofeu, nel primo tempo, è un appoggio, lui si fa comunque trovare pronto anche in avvio di ripresa sul tiro di Forestieri. Buon per lui che l’esterno di De Paul finisca invece largo di poco. Sicuro, 6

CACERES - Dirottato sulla destra della difesa fa il suo nei primi 50 minuti poi lascia troppo libero Forestieri di tirare e nel giro di poco si fa anche ammonire. Da rivedere, 5,5

Dal 3’sts MONTIEL - Il primo pallone lo manda in fondo alla rete portando in avanti i suoi. Prodigio, 7

MILENKOVIC - Fa valere fisico ed esperienza in un’area di rigore raramente affollata, dall’altra parte di testa impegna musso a metà ripresa. Solido, 6

PEZZELLA - Si nota subito la maggiore sicurezza recuperata rispetto a domenica ma dopo oltre un’ora è costretto a uscire. A denti stretti offre progressi rispetto a qualche giorno fa, 6

Dal 22’st IGOR - Buona guardia anche nei tempi supplementari, 6

BIRAGHI - In più di una circostanza i suoi disimpegni rischiano di creare grossi problemi alla retroguardia. Chiude i novanta minuti con una punizione centrale telefonata e svariate proteste per un scontro in area di rigore con Pussetto. Nervoso, 5,5

AMRABAT - Ben liberato da Borja Valero prova a scuotere i suoi dal torpore ma il suo tiro (l’unico dei viola nel primo tempo) è largo. La mira sballata fa il paio con troppi palloni persi sulla linea mediana e anche se in una posizione diversa dal passato, e nonostante un finale in crescita, il rendimento non è quello di Verona, 5,5

PULGAR - Gioca ruvido, lo si vede in interdizione con una  chiusura su Deulofeu, ma dopo quasi un’ora di gioco. La sensazione è che il bilancio finale sia comunque deficitario, 5,5

CASTROVILLI - Solite luci e ombre in un primo tempo in cui fatica a imporsi e anche nella ripresa torna a far capolino più di un difetto di personalità. E’ in calo forse anche fisicamente, ma è lecito attendersi (molto) di più, 5

BORJA VALERO- Agisce a ridosso del duo offensivo ma si fa apprezzare alla mezz’ora anche per come invita al tiro Amrabat. Anche se paga la stanchezza alla distanza riesce comunque a mettere ordine, 6

Dal 35’st LIROLA - Come qualche giorno fa dovrebbe regalare freschezza sulla corsia destra ma sul fondo c’arriva pochissimo se si eccettua un cross basso per Eysseric, 5,5

KOUAME - In grossa difficoltà nel trovare la zona giusta del campo dove giocare lo si nota di più quando dà mano in difesa. Ma così è difficile entrare nel vivo del gioco, 5

Dal 15’st EYSSERIC - Prandelli lo rispolvera e lo preferisce a Cutrone, tutto sommato la Fiorentina dopo il suo ingresso gioca meglio e nei supplementari arriva al tiro da dentro l’area. Dà un buon contributo sfruttando i ritmi bassi, sorpresa, 6,5

VLAHOVIC - Avvio poco incoraggiante con la solita flemma degli ultimi tempi, ci mette il carico divorandosi un gol già fatto con l’aggravante d’ignorare Kouame a due passi che avrebbe la porta sguarnita. Con lo scorrere dei minuti acuisce la tendenza a voler fare tutto da solo e dal limite a poco dal fischio finale alza troppo la mira. Mira sballata, 5

Dal 1’pts CUTRONE - Un tentativo di girata in area di rigore senza fortuna e soprattutto lo scarico per il tiro gol di Montiel. Volenteroso, 6

PRANDELLI - Pochissimi cambi rispetto al previsto, la novità è Borja Valero più avanzato da trequartista mentre per Vlahovic conferma in attacco, dietro c’è Caceres sulla destra. Esclusa l’occasione di Vlahovic la sua squadra non dà grandi segni di reazione tanto che dopo un’ora di gioco prova la carta Eysseric al posto di Kouame prima di dover richiamare Pezzella e inserire Igor. Con l’ingresso di Lirola per Borja Valero passa al 442 poi in avvio di supplementari prova Cutrone per Vlahovic ma soprattutto pesca in Primavera con Montiel al posto di Caceres. La terapia d’urto funziona, con lo spagnolo subito in gol. Serviva l’episodio, lui lo insegue per oltre cento minuti e alla fine lo raggiunge con una delle scelte a sorpresa sfoderate stasera. Il primo passo è mosso, 6,5