ILICIC DA FISCHI, MALE TOMOVIC, SOLO NETO E BABA SI SALVANO

09.11.2014 19:55 di Tommaso Loreto Twitter:    vedi letture
ILICIC DA FISCHI, MALE TOMOVIC, SOLO NETO E BABA SI SALVANO
FirenzeViola.it
© foto di www.imagephotoagency.it

NETO – Higuain e Insigne ci provano subito da fuori, per fortuna senza la giusta mira. Ha molto tempismo, e parecchio coraggio, nell'uscire poco dopo su Higuain. Più tardi ancora l'argentino lo anticipa ma angola troppo. Sembra segnato il suo destino quando Hamsik si presenta al limite ma compie il miracolo, non può invece riuscirci poco dopo su Higuain. Resta negli occhi una parata straordinaria, 6.

TOMOVIC – Prima incoccia Insigne dalla sua parte, poi tocca a Mertens e il belga si vede alla mezz'ora con un tiro alto. Male, malissimo nel toccare il cross di Callejon e regalare l'assist a Higuain. Errore che costa carissimo, 4,5.

RODRIGUEZ – Anche lui si fa saltare secco da Higuain, sia sullo slalom in area di rigore sia in mezzo al campo. Fa muro, però, quando sempre l'argentino raccoglie la ribattuta su tiro di Hamsik. La sicurezza di un tempo sembra smarrita, 5,5.

SAVIC – Avvio non semplicissimo, in particolare nella prima occasione in cui Higuain si rende pericoloso mandando fuori di poco. Si riprende col tempo, ma in avvio di ripresa rimedia il giallo entrando durissimo su Mertens. Rischia anche nel finale quando De Guzman e Higuain dialogano in area di rigore. Nervoso, 5,5.

ALONSO – Bruttissimo cliente Callejon dalla sua parte, ma almeno in avvio si fa vedere spesso in avanti. In difficoltà sul finire di primo tempo quando prima Callejon rimette in gioco dalla linea di fondo in solitudine, poi conclude alto. Rischia non poco quando cicca malamente una punizione al limite oltre a un paio di mancati agganci discutibili. Sconclusionato, 5.

Dal 37'st PASQUAL – Non ha praticamente tempo eppure sfiora il pareggio con Koulibaly che salva Rafael, s.v..

MATI FERNANDEZ – Si scambia spesso con Borja Valero, poi arriva anche al tiro ma centra Koulibaly dopo la bella sponda di Babacar. Ma nel mezzo colleziona fin troppi errori nascondendosi peraltro per lunghi tratti del gioco. Timido, 5.

AQUILANI – Ha qualche problema quando deve impostare, e in particolare si fa sfuggire Higuain senza opporre resistenza. Si vede pochissimo perchè costantemente in affanno contro i mediani napoletani, 5,5.

Dal 19'st PIZARRO – Si lamenta molto quando il suo tiro dal limite viene respinto da un difensore, a suo dire, con la mano. Va un po' meglio rispetto ad Aquilani, 6.

BORJA VALERO – Libera bene Babacar su una ripartenza viola nei primi minuti, ma perde un brutto pallone che Insigne per poco non tramuta in gol. Ci prova senza fortuna dalla lunghissima distanza dopo una decina di minuti nel secondo tempo. Altalenante, come il suo periodo, 5,5.

ILICIC – Poco dopo la mezz'ora fa venire giù lo stadio, dalla rabbia, per l'ennesimo tocco sbagliato. Si scuote qualche minuto più tardi ma non va oltre l'ammonizione. Qualche segnale di reazione si intravede in avvio di ripresa ma è la solita, pochissima, roba. E i fischi alla sostituzione sono il minimo, anche se lui non li gradisce, 5.

Dal 27'st GOMEZ – Certo che la fortuna gli ha proprio voltato le spalle. Perchè sul primo pallone buono scheggia la traversa con uno splendido colpo di testa. E nel finale è particolarmente combattivo, 6.

CUADRADO – Gioca inizialmente sulla sinistra, anche perchè il più delle volte va a raddoppiare su Callejon. E il duello si ripete più volte nel primo tempo limitando tuttavia le sue sgroppate sulla fascia. Finalmente si vede al tiro al quarto d'ora della ripresa impegnando seriamente Rafael. Spinge soltanto nell'ultima mezz'ora, ma senza trovare nemmeno il cross. Sacrificato, d'accordo, ma comunque non è lui, 5.5

BABACAR – Comincia bene, con il giusto approccio, e su un bel lancio di Borja Albiol deve chiudere a dovere per evitare il peggio. Bello anche il missile che spara, in corsa, appena sopra la traversa, così come la sponda per il tiro di Mati Fernandez murato da Koulibaly. Resta isolato continuando però a battersi come un leone. Probabilmente l'unico insieme a Neto a salvarsi, 6,5.

MONTELLA – Confermate le indicazioni della vigilia, con il 4-3-3 nel quale Ilicic parte a destra e Cuadrado a sinistra. Non c'è Pizarro, ma Aquilani al suo posto con Mati sul centrodestra. Il Napoli gioca meglio, colleziona palle gol ed è più incisivo di una Fiorentina che soffre per tutto il primo tempo. Nella ripresa cambia, si affida al 3-5-2 avanzando Alonso sulla sinistra e mantenendo Cuadrado a destra ma la scelta non paga, anzi il Napoli affonda sulle fasce e passa con Higuain dopo il miracolo di Neto su Hamsik. Di lì a poco tocca a Pizarro al posto di Aquilani e a Gomez al posto del solito evanescente Ilicic. Il tedesco trova anche la traversa di testa nel finale di gara mentre anche Pasqual sfiora il pareggio nel recupero con Koulibaly che salva sulla linea, ma stasera la Fiorentina è semplice spettatrice di un Napoli che avrebbe potuto segnare molto di più. Le scelte iniziali, dal modulo agli interpreti, non pagano, quelle in corsa nemmeno e la sconfitta di oggi ha tanto il sapore di un vero e proprio ridimensionamento, 5.