IL GIUSTO ATTEGGIAMENTO

15.10.2020 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
IL GIUSTO ATTEGGIAMENTO

Non avrà gradito talune critiche, il presidente Commisso, ma nei confronti della squadra e dell'ultima prestazione prima della sosta non ha usato mezzi termini. "Uno schifo" può sembrare persino fin troppo severo come giudizio, ma è indubbio che nella ripresa la Fiorentina si sia consegnata con troppa facilità agli avversari, consentendo alla lunga alla squadra di Ranieri di guadagnare sempre più terreno. 

E d'altronde se a San Siro era stato soprattutto l'atteggiamento l'aspetto che aveva favorevolmente colpito, anche con il Torino la squadra di Iachini aveva saputo comunque sovrastare i granata con movimenti e profondità che alla lunga hanno pagato. Iachini dovrà perciò ripartire più che dall'assetto tattico dalla testa dei suoi ragazzi, cercando di riproporre la giusta attitudine mentale ancor prima dei singoli o dei moduli. 

In tal senso il rientro di elementi d'esperienza come Pulgar, Pezzella o lo stesso Ribery non può che aiutare l'allenatore viola che già da domenica dovrà confrontarsi anche con una pressione non indifferente. Nella sosta non sono mancati spifferi su idee alternative per la guida tecnica del futuro, Iachini è fin troppo esperto per sapere che sono aspetti che fanno parte del gioco, ma è chiaro che ancor prima dei punti domenica a Cesena Commisso e i tifosi viola vorranno vedere tutt'altro atteggiamento rispetto a dieci giorni fa.