PIOLI, Il giorno più bello della mia vita sportiva

22.05.2022 22:00 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
PIOLI, Il giorno più bello della mia vita sportiva
FirenzeViola.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Stefano Pioli nella conferenza post gara che ha assegnato lo scudetto al suo Milan ha descritto questa come il giorno più bello della carriera, ai microfoni di SkySport: "E' il giorno più bello della mia vita sportiva, abbiamo fatto qualcosa di eccezionale. Abbiamo lavorato tutti al meglio, il club, i dirigenti che ci hanno sempre sostenuti. Lo staff, i giocatori che sono stati fantastici e i tifosi che sono incredibile. Siamo tutti meritatamente Campioni d'Italia".
Le gare hanno segnato la stagione? "Sono felice di aver vinto lo Scudetto senza dover recriminare la sconfitta con lo Spezia, poi tra le positive il derby e la Lazio".
Chiederà a Ibrahimovic di restare? "Intanto dico che è determinante. Ha portato mentalità, consapevolezza, professionalità incredibile. Ho parlato con Zlatan prima di domenica, perché ci è rimasto male a non giocare a San Siro. Non ho mai pensato fosse la sua ultima, gli ho detto di continuare a giocare a calcio. Cosa ha risposto? Che ci sta pensando, è un campione, ci ha dato e mi ha aiutato tanto".
Che merito si prende? "La cosa più bella è non aver mai smesso per un istante di pensare che stavo allenando dei grandi giocatori e una grande squadra. E' stata la mia tenacia, la mia voglia di portare a casa il massimo. Senza il club, i dirigenti e i giocatori, nulla sarebbe stato possibile".
Ha sfatato il luogo comune Pioli bravo sì ma al primo anno'... "Il calcio è pieno di etichette ma ci stava. Sono arrivato al Milan per una scelta lungimirante di Maldini, Massara e Boban, Ci stava che qualcuno avesse dubbi, è giusto così. Nella vita e nello sport devi sempre dimostrare, ma dal 4 luglio riparti da zero. I tifosi mi hanno dimostrato qualcosa di eccezionale: il coro 'Pioli is on fire' me lo hanno fatto anche prima di vincere. Li ringrazio, mi hanno dato emozioni incredibili. Sanno riconoscere chi prova a lavorare nel miglior modo possibile".